Lunedì 17 Dicembre 2018 | 20:23

NEWS DALLA SEZIONE

Eurozona, l'inflazione annuale a novembre scende a 1,9%

Eurozona, l'inflazione annuale a novembre scende a 1,9%

 
Eurozona: surplus di 14 mld commercio internazionale ad ottobre

Eurozona: surplus di 14 mld commercio internazionale ad ottobre

 
May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 

Digitale: Ue, ok a siti .eu registrati fuori da Europa

Digitale: Ue, ok a siti .eu registrati fuori da Europa

 BRUXELLES - Più flessibilità per aprire siti internet con il dominio .eu, rendendo possibile farlo anche fuori dall'Europa. E' quanto propone la Commissione Ue, che ha aggiornato le regole per la loro registrazione rendendola possibile anche per quei cittadini con passaporto Ue o dell'area economica europea (quindi anche Islanda, Norvegia e Liechtenstein) che risiedono al di fuori del territorio europeo.

 

Finora, infatti, la registrazione del dominio .eu era strettamente legata alla residenza in Paesi europei. Bruxelles lancia inoltre un Consiglio ad hoc per una migliore gestione della governance del dominio. La Commissione ha anche presentato nuove linee guida per le autorità garanti delle tlc nazionali su come valutare il potere di mercato degli operatori, eventuali concentrazioni e pratiche anticoncorrenziali alla luce dei cambiamenti apportati al settore dalla nuova realtà digitale.

 

 

Per la prima volta vengono infatti inclusi anche i fornitori di servizi online che hanno cominciato a offrire servizi via internet, gli abbonamenti 'tutto incluso' internet-tv-telefonia, la pressione concorrenziale dei servizi via cavo così come la transizione in alcuni mercati nazionali da monopoli a oligopoli. L'obiettivo delle indicazioni di Bruxelles è fornire alle autorità garanti nazionali gli strumenti per delineare in modo corretto gli sviluppi del mercato nelle comunicazioni elettroniche e individuare correttamente il reale potere di mercato dei diversi operatori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400