Sabato 15 Dicembre 2018 | 23:27

NEWS DALLA SEZIONE

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 

Occupazione, divario uomini-donne, Italia top Ue dopo Malta

Occupazione, divario uomini-donne, Italia top Ue dopo Malta

BRUXELLES - Ci sono "considerevoli variazioni" tra i 28 nel tasso di occupazione femminile rispetto a quello maschile, con una media Ue sostanzialmente stabile di uno scarto di 11,5 punti percentuali nel 2017 2017 ma il divario sale in Italia a 19,8 punti, portandoci al massimo tra i 28, secondi solo a Malta.

 

 

Emerge dai dati Eurostat, da cui risulta che il Paese europeo con la minore differenza occupazionale tra uomini e donne è in Lituania dove il tasso di occupazione è del 75,5% per le donne e del 76,5% per gli uomini (1 solo punto percentuale), seguita da Finlandia (3,5 punti), Svezia (4 punti), e Lettonia (4,3 punti).

Il Paese con lo scarto maggiore tra uomini e donne è invece Malta (26,1 punti), seguita dall'Italia (19,8 punti) e dalla Grecia (19,7 punti).  In media a livello Ue gli uomini occupati sono il 78% (un anno prima il 76,9%), mentre le donne il 66,5% (un anno prima il 65,3%).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400