Venerdì 14 Dicembre 2018 | 12:51

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Occupazione, Italia penultima in Ue, al 62,3% in 2017

Occupazione, Italia penultima in Ue, al 62,3% in 2017

BRUXELLES - L'Italia è penultima in Ue per il livello di occupazione, con 62,3% nel 2017. A far peggio solo la Grecia, con 57,8%. Stessa posizione di fanalino di coda anche per lo scarto occupazionale tra uomini e donne con 19,8%, dove ad avere una differenza maggiore è solo Malta con 26,1%.

 

L'Italia è infatti anche il penultimo Paese Ue per donne occupate, appena il 52,5%: solo in Grecia l'occupazione femminile è inferiore, con il 48%. E' il quadro tracciato dai dati Eurostat, da cui emerge anche che l'Italia è lontana dal raggiungimento dell'obiettivo Ue 2020 di un tasso d'occupazione complessivo del 67%. Il numero di occupati sono però in moderato aumento, con +0,7% su anno rispetto al 61,6% del 2016. In maggior crescita (+0,9%), però, sono le donne che lavorano, passate dal 51,6% del 2016 al 52,5% del 2017. Salgono in modo deciso (+1,9%) anche gli occupati over 55, passati su anno dal 50,3% al 52,2%, con differenze significative tra uomini (62,8% nel 2017) e donne (42,3%) - che sono però in più decisa crescita rispetto alla controparte maschile (+2,6% annuo contro 1,1%).

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400