Lunedì 17 Dicembre 2018 | 01:42

NEWS DALLA SEZIONE

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 

Juncker, su Albania e Macedonia ora decisione Consiglio Ue

Juncker, su Albania e Macedonia ora decisione Consiglio Ue

STRASBURGO - "La Commissione europea ha deciso di aprire i negoziati di adesione con l'Albania e la Macedonia, ora ci deve essere una decisione adeguata del Consiglio". Così il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker intervenendo alla Plenaria del parlamento europeo a Strasburgo.

 

"Aprire i negoziati non significa che inizieranno domani e questo non significa neanche che c'è una data su quando il negoziato sarà concluso - ha aggiunto Juncker -. Tutti saranno giudicati sul loro merito loro e vedremo nei prossimi sei mesi quali saranno le decisioni del Consiglio".

 

Juncker ha poi ribadito che "siamo d'accordo in questa Aula sul fatto che i Balcani occidentali hanno bisogno della prospettiva europea per non rivedere il dramma a cui abbiamo assistito negli anni Novanta. Alcuni Paesi hanno fatto progressi sostanziali, altri modesti", ha precisato, avvisando che "è un processo che richiederà comunque molto tempo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400