Venerdì 14 Dicembre 2018 | 16:27

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Enel, Ue sia ambiziosa su chiusura Pacchetto energia pulita

Enel, Ue sia ambiziosa su chiusura Pacchetto energia pulita

BRUXELLES - L'Ue deve mostrare la giusta ambizione nella finalizzazione del Pacchetto energia pulita, ormai in dirittura d'arrivo nei negoziati tra le istituzioni europee. Portando in particolare al 35% la quota di rinnovabili nel 2030 e puntando sulla mobilità elettrica. E' il messaggio lanciato dal direttore degli Affari europei di Enel, Simone Mori, in occasione del quarto Energy Summit Ue alla presenza dei commissari Miguel Arias Canete e Karmenu Vella, e del presidente della commissione energia dell'Europarlamento Jerzy Buzek.

 

Secondo Mori, Bruxelles ha fin qui fatto un buon lavoro per aggiornare il quadro legislativo di un settore che ha vissuto negli ultimi anni una rivoluzione epocale, dove il Pacchetto energia pulita è stato un'ottima base di partenza, addirittura migliorato su alcuni fronti nel corso del processo legislativo. Resta però essenziale, per renderlo ottimale, la giusta ambizione.

 

Questa deve dimostrarsi in particolare su tre punti: primo, definire un obiettivo di generazione di elettricità da fonti rinnovabili al 2030 pari al 35%, così come suggerito da Parlamento europeo. Secondo, dare la possibilità di sottoscrivere quei contratti di lungo termine fondamentali per costruire nuova capacità, indirizzare al meglio gli investimenti e dare sicurezza agli investitori. Terzo, promuovere la digitalizzazione e incoraggiare l'elettrificazione della mobilità e degli edifici.

 

In particolare, sul fronte della e-mobility e dell'auto elettrica, è stato evidenziato da Enel come il relativo pacchetto legislativo ugualmente in discussione debba creare le condizioni per la diffusione del veicolo elettrico. Si tratta infatti della soluzione più efficace per combattere l'inquinamento dell'aria, un problema già nel mirino Ue come emerge dalle procedure d'infrazione aperte contro 9 stati membri tra cui l'Italia.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400