Lunedì 17 Dicembre 2018 | 21:17

NEWS DALLA SEZIONE

Eurozona, l'inflazione annuale a novembre scende a 1,9%

Eurozona, l'inflazione annuale a novembre scende a 1,9%

 
Eurozona: surplus di 14 mld commercio internazionale ad ottobre

Eurozona: surplus di 14 mld commercio internazionale ad ottobre

 
May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 

Tabacco: avvocato Ue, resta valido divieto vendita 'snus'

Tabacco: avvocato Ue, resta valido divieto vendita 'snus'

BRUXELLES - E' valido il divieto di vendita nei Paesi Ue dello 'snus', il tabacco per uso orale tradizionale della Svezia, unico Paese in cui ne è infatti consentita la commercializzazione. E' quanto ha concluso l'avvocato generale della Corte Ue Henrik Saugmandsgaard Oe, in merito alla causa intentata dalla Swedish Match contro il ministero della salute britannico che ha continuato a vietare lo snus in Gran Bretagna in base alla direttiva tabacco Ue del 2014.

 

Secondo l'avvocato di Lussemburgo, l'Ue non ha oltrepassato i limiti del suo potere discrezionale nell'affermare con la sua legislazione che il tabacco per uso orale induce dipendenza e nuoce alla salute, e che abolire il divieto della sua commercializzazione "rischierebbe di comportare un aumento complessivo degli effetti nocivi del tabacco nell'Unione tenuto conto dei suoi effetti sui modelli di consumo", in particolare spingendo i giovani al tabagismo.

 

L'avvocato generale contesta anche l'argomento secondo cui il principio di non discriminazione sarebbe violato dal fatto che il tabacco a uso orale riceverebbe un trattamento diverso da quello riservato agli altri prodotti del tabacco e alle sigarette elettroniche. La Corte su questo aveva infatti già stabilito nel 2004 la distinzione tra questi prodotti, in quanto il tabacco a uso orale è nuovo nel mercato europeo e reputato di particolare attrattiva per i giovani, e potrebbe quindi creare una nuova fonte di dipendenza. E, ad oggi, nessun elemento rimette in causa questa conclusione.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400