Venerdì 14 Dicembre 2018 | 16:56

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Eba, meno banchieri con alti stipendi, stabile Italia

Eba, meno banchieri con alti stipendi, stabile Italia

ROMA - Calo, nel 2016, dei banchieri europei con stipendi e bonus sopra il milione di euro annui mentre in Italia il numero è quasi invariato (da 174 a 172). Lo rileva Eba nel rapporto annuale secondo cui nel Vecchio Continente sono scesi del 10,6% da 5.142 a 4.597 a causa del tasso di cambio sterlina/euro che ha inciso sui manager in Gran Bretagna.

 

Nel nostro paese le remunerazioni, fisse e variabili, sono state in media pari a 1,73 milioni a testa. Quasi tutti (134) nella fascia fra 1 e 2 milioni ma c'è anche una figura che ha guadagnato un totale di 11,5 milioni. In totale fra stipendi fissi, variabili e bonus dilazionati nel tempo, i top manager italiani sono costati al settore bancario e finanziario 351 milioni di euro. Quasi un terzo, pari a 101 milioni, è andato a 58 dirigenti dell'investment banking principalmente sotto forma di bonus: la parte variabile costituisce i due terzi della remunerazione totale. Subito dopo sono arrivati i 17 con funzioni corporate con 52 milioni (di cui 12 appunto riferiti a una sola persona). Dietro i 18 dirigenti del retail con complessivi 29 milioni di euro, per la gran parte corrisposti sotto forma di retribuzione fissa.

 

Tornando al rapporto sull'intero comparto europeo l'Eba nota come il calo sia dovuto principalmente "dalle variazioni dei tassi di cambio sterlina/euro che ha portato a una riduzione delle retribuzioni dei manager pagati in pound". L'autorità di vigilanza sottolinea comunque come le regole "non siano ancora sufficientemente armonizzate" fra i diversi paesi e possono "differire significativamente" visto il differente recepimento della direttiva europea CrIV. In ogni caso, nota l'Eba, dall'introduzione del tetto ai bonus che non può superare il 100% di quella fissa (o il 200% ma solo dietro voto espresso degli azionisti), la media fra i due componenti è scesa negli anni ed ora è al 57,1%.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400