Lunedì 17 Dicembre 2018 | 01:49

NEWS DALLA SEZIONE

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 

Europee 2019:candidature Ppe Spitzenkandidaten al via da 6/9

Europee 2019:candidature Ppe Spitzenkandidaten al via da 6/9

BRUXELLES  - Si conoscerà a inizio novembre il candidato proposto dai Popolari europei che, in caso di vittoria del Gruppo alle elezioni europee del 2019, sarà proposto ai leader Ue come il futuro presidente della Commissione europea. Lo ha deciso il Ppe annunciando la procedura per la presentazione delle candidature degli 'Spitzenkandidaten', i candidati di punta del partito. I Popolari hanno precisato che le candidature potranno essere presentate a partire dal prossimo 6 settembre fino al 17 ottobre, per poi essere messe ai voti al congresso che si svolgerà l'8 novembre.

 

 

Il Parlamento Europeo a febbraio aveva confermato il metodo dello Spitzenkandidat. Una soluzione che prevede che venga nominato alla poltrona di presidente dell'esecutivo comunitario il capo-lista del partito o raggruppamento che ha ottenuto la maggioranza dei seggi all'Europarlamento. Questo metodo è stato utilizzato per la prima volta nel 2014 per selezionare l'attuale presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker.

 

Ora il Pe è fermamente intenzionato a ripetere questo esercizio in occasione delle elezioni del maggio 2019. Ma in occasione dell'ultima riunione del Consiglio Europeo i leader Ue - a cui spetta l'indicazione finale del candidato-presidente della Commissione - hanno tenuto a precisare che non intendono, almeno per ora, ritenere vincolante il metodo dello Spitzenkandidaten.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400