Venerdì 19 Aprile 2019 | 17:09

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiIl batterio killer
Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

 
BariLa scomparsa
Bari piange il professor Domenico D'Oria: il cordoglio di Decaro e Emiliano

Bari piange il professor Domenico D'Oria: il cordoglio di Decaro e Emiliano

 
TarantoA grottaglie (Ta)
Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

 
Materavittima un materano
Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

 
PotenzaL'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
LecceVerso il voto
«Santini» elettorali per strada, a Lecce appello al senso civico

«Santini» elettorali per strada, a Lecce appello al senso civico

 
FoggiaAccoglienza
Borgo Mezzanone, migranti cercano un altro ghetto

Borgo Mezzanone, migranti cercano un altro ghetto

 
BatÈ incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 

Quel mitico chinotto a Monopoli (aspettando l’Oscar)

INTERVISTA A: Nico Cirasola
Dalla Murgia al mare, la prima vacanza non si scorda mai, soprattutto se per andare da Gravina a Monopoli, si noleggia addirittura un furgone Alfa Romeo (con autista compreso) di quelli che andavano tanto in voga a fine anni Cinquanta. «Avevo sette anni – racconta Nico Cirasola, il regista barese reduce dal successo del pluripremiato Focaccia Blues - e i miei genitori decisero che era giunta l’ora di trascorrere un intero mese di vacanze a Monopoli, quindi bisognava portarsi dietro praticamente la casa intera». 

Nato a Gravina il 27 maggio 1951 (lo stesso giorno di Giuseppe Tornatore, con la differenza però che il nostro regista è stato registrato all’anagrafe due giorni dopo, il 29 maggio, e per questo sostiene: «Tornatore ha già vinto l’Oscar, io lo vincerò!»), Cirasola è affezionato ai suoi ricordi estivi di bambino. 

«Quel viaggio fino a Monopoli aveva il sapore delle grandi conquiste, ci sembrava di essere approdati sulla copertina di una rivista patinata dell’epoca che inneggiava alle vacanze in riviera romagnola o in Versilia. Quando arrivammo nella casa sul mare, che avevamo preso in affitto da due anziane signorine monopolitane, dopo avere attraversato il viale di pini mediterranei che ancora è lì, capimmo davvero il significato della parola vacanza». 

Perché, qual era il significato di «vacanza»? «La vacanza lì al mare si può sintetizzare in tante immagini significative dell’epoca: il “Chinotto”, che era la vera bibita di lusso, quando ancora la Coca Cola non era così diffusa dalle nostre parti, e ancora: la cartina che rendeva frizzante l’acqua naturale; il ghiaccio sfuso, che si comprava al mercato, perché non c’era il frigorifero; le friselle che sostituivano il classico pane col pomodoro, e poi il panino con la frittata che preparava mia madre, io ho provato tante volte a prepararlo, ma non ha lo stesso sapore. E sono stati anche indimenticabili i preparativi prima della partenza per Monopoli, quando mia zia cucì per me e per i miei fratelli una spugna-accappatoio, con le stesse barchette riprodotte sul costume da bagno, una vera schiccheria». 

E la sua passione per il cinema come si concilia con l’estate? «D’estate sono riuscito a portare il cinema in giro per la Puglia ed è stata una grande soddisfazione. Un vero e proprio cinema ambulante nei paesi che non hanno sale cinematografiche, con l’improvvisazione a farla da padrone, con centinaia di persone che affollavano le piazze e le strade per assistere alle proiezioni, una volta abbiamo addirittura montato lo schermo sulla facciata di una chiesa». 

E oggi la sua estate che sapore ha? «Ha ancora il sapore intramontabile del cinema e della buona cucina. Credo non ci sia niente di più bello nelle serate estive, dopo un giorno di mare o di passeggiate alla scoperta dei nostri tesori naturali, che guardare un bel film in compagnia e godere dei piaceri della nostra tavola. Infatti quest’anno sono finalmente riuscito a dare vita ad un progetto che mi stava molto a cuore: “La Masseria del Cinema”, a Ostuni, dove proiettiamo ogni genere di film ed ogni occasione è buona per condividere con gli amici la passione cinematografica e quella per la buona tavola».

di MARIA GRAZIA RONGO

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400