Domenica 02 Ottobre 2022 | 12:45

In Puglia e Basilicata

Punti di vista

Il mare a settembre ricordando Lucio

Lucio Dalla

Lucio Dalla

Quanto mare nell’universo delle sue canzoni, quello vero, fatto di pesci e marinai e sirene e case sulla riva e isole da abitare

04 Settembre 2022

Erica Mou

L’ultimo mare, quello degli ombrelloni che diventano all’occorrenza ombrelli, dei lidi che girano le sedie sopra ai tavoli, il mio mare preferito, settembre. In questi stessi giorni di oltre dieci anni fa, sulla riva di questo mare che comincia a sbadigliare per cacciare garbatamente gli ospiti dalla sua spiaggia, ho avuto l’onore di incontrare artisti giganti accumunati dall’amore per il cantautore garganico Matteo Salvatore, tra cui Lucio Dalla. Lo spettacolo si chiamava “Il bene mio”, diretto da Cosimo Damato, a Manfredonia, su un porto come tanti che però sta nei nostri occhi come una foto dell’album di famiglia, reso immortale proprio dalla copertina in bianco e nero del 45 giri di “4 marzo 1943”.

Mentre gli altri artisti erano accompagnati da manager e discografici, Lucio Dalla era assistito dal comandante della sua barca detto da lui “il compare”, un dettaglio che avevo trovato subito irresistibile. Si chiamava Catarro (la barca, non il comandante, ed ecco un altro dettaglio stupendo) ed era piena di storie che io origliavo timida dall’altro lato del tavolo. Quanto mare nell’universo delle sue canzoni, quello vero, fatto di pesci e marinai e sirene e case sulla riva e isole da abitare. Oggi, su un mare che sfugge alle cartoline, mi ritrovo con Damato, lo stesso regista di nove anni fa, e Pierdavide Carone, eccezionale cantautore pugliese che con Dalla ha lavorato partecipando con lui al Festival di Sanremo del 2012.

Prepariamo uno spettacolo che mette in scena i personaggi delle canzoni di Lucio: Futura, Bonetti, Sputo e Gesù Bambino dialogano e giocano a carte bevendo vino su una nave ingoiata dalla notte, illuminati dalla luna in attesa del Capitano, chiamato “Il ragno”. Saremo in scena l’8 settembre alle Terme di Castelnuovo della Daunia, non lontano da quel porto reso iconico dalla musica di Dalla, a navigare anche dove il mare non c’è.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725