Lunedì 18 Marzo 2019 | 19:08

Il Biancorosso

LA PARTITA
Bari, l'attesa è finalmente finitaparte il rush finale del campionato

Bari, l'attesa è finalmente finita
parte il rush finale del campionato

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIncidente stradale
Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

 
HomeUdienza preliminare
Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

 
MateraL'operazione della polizia
Sequestrati a Policoro 70 kg di bianchetto: una denuncia

Sequestrati a Policoro 70 kg di bianchetto: una denuncia

 
PotenzaI controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
BatL'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
BrindisiIn pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

Ladro tradito da una bottiglia

Un noto malvivente barese di 26 anni arrestato dai Carabinieri di Triggiano, dopo la scoperta delle sue impronte su una bottiglia di champagne, toccata durante un "colpo" in una casa di Mottola
Impronta digitale TARANTO - Le impronte lasciate su una bottiglia di champagne, in un'abitazione di Mottola dove aveva commesso un furto nel dicembre dello scorso anno, lo hanno «tradito» non solo per quella razzia, ma anche per una lunga serie di furti per complessivi 80mila euro. Si tratta di Gino Pelz, di 26 anni, barese già noto alle forze dell'ordine, che gli esperti del Ris dei Carabinieri hanno individuato come autore dei furti di un escavatore ed un autocarro da un cantiere edile e in due appartamenti poco distanti. Nella circostanza, utilizzando l'autocarro asportato poco prima, aveva sfondato il muro di cinta di una delle abitazioni provocando danni ingenti.
Una lunghissima carriera criminale alle spalle del giovane, fatta di furti, rapine, ricettazioni ed evasioni dai luoghi (Liguria, Piemonte, Puglia) ove aveva fruito dei consueti benefici di legge.
L'uomo è stato arrestato, in esecuzione di un'ordinanza emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Taranto, Patrizia Todisco, dai Carabinieri di Triggiano e rinchiuso nel carcere di Bari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400