Venerdì 22 Febbraio 2019 | 02:48

NEWS DALLE PROVINCE

MateraIl caso
Frana Pomarico, la Regione dà l'ok allo stato d'emergenza

Frana Pomarico, la Regione dà l'ok allo stato d'emergenza

 
GdM.TVIl video appello
Emma «tifa» per Chiara, studentessa di Barletta vittima di un incidente in Spagna

Emma «tifa» per Chiara, studentessa di Barletta vittima di un incidente in Spagna

 
HomeAmbiente
Bari, in arrivo il Treno verde di Legambiente per misurare la qualità dell'aria

Bari, in arrivo il Treno verde di Legambiente per misurare la qualità dell'aria

 
PotenzaL'iniziativa
A Vietri di Potenza se adotti un cane non paghi la Tari

A Vietri di Potenza se adotti un cucciolo dal canile non paghi la Tari

 
HomeLa decisione
Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

 
BrindisiA ceglie messapica
Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

 
TarantoArrestato pregiudicato
Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

 
FoggiaHanno agito in quattro
Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

 

Alpino pugliese muore in addestramento

Il caporale maggiore Pasquale Scalera della "Julia", è precipitato per alcune decine di metri durante una scalata. Aveva 25 anni e risiedeva a Sannicandro (Bari) con la sua famiglia
BARI - Un giovanissimo «alpino» pugliese è morto nella tarda mattinata di oggi mentre si addestrava coi suoi commilitoni sui monti friulani del Montasio. Il caporale maggiore Pasquale Scalera, originario di Milano ma residente a Sannicandro (Bari), volontario in ferma breve, assegnato al 3° reggimento artiglieria terrestre della Brigata alpina "Julia", è scivolato per cause da accertare ed è precipitato nel vuoto. «Non riusciamo a capire cosa sia avvenuto - dicono allo Stato Maggiore dell'Esercito - quello è un sentiero attrezzato (con cavi d'acciaio cui agganciarsi per poter andare fino in cima)».
Sul posto dell'incidente è intervenuto il personale sanitario con un elicottero del 118 che ne ha soltanto potuto constatare il decesso.
La salma è stata poi recuperata dalla Squadra di Soccorso Alpino di Cave del Predil (Udine) e trasportata con, l'elicottero della Protezione Civile, alla camera mortuaria del cimitero di Tolmezzo.
Ai familiari di Scalera, che era celibe, è stato messo a disposizione un volo di Stato per il Friuli. «I parenti saranno accolti anche dallo zio del ragazzo, Giuseppe Scalera, - dicono alla "Julia" - Lui è maresciallo degli Alpini. E' pugliese pure lui ma è qui da moltissimo. E' distrutto, è stato lui a passare al nipote l'amore per la montagna e per la nostra divisa».
Scalera s'era arruolato nel 2000 e aveva partecipato già a diverse missioni sia in Afghanistan (nel 2003 a Kabul e, cavallo tra il 2006 e il 2007, a Herat); sia in Bosnia (a Sarajevo, nel 2004).
Mentre il comandante, generale di Brigata Paolo Serra, è chiuso nel suo dolore e veglia la salma del giovane Alpino, hanno espresso il loro cordoglio sia il ministro della Difesa, Arturo Parisi, sia il Capo di Stato Maggiore dell'Esercito, generale di Corpo d'Armata Fabrizio Castagnetti. Ad essi si sono uniti l'onorevole Roberta Pinotti, presidente della commissione Difesa della Camera, e il presidente del Consiglio regionale Alessandro Tesini, anche a nome dell'Assemblea del Friuli Venezia Giulia.
Marisa Ingrosso

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400