Giovedì 17 Gennaio 2019 | 06:09

I randagi di Bari con il microchip

Il sindaco ha firmato un'ordinanza con la quale dispone che tutti i cani che vengono accuditi dalle Associazioni animaliste debbano essere sottoposti a sterilizzazzione e microchippatura
BARI - Il sindaco di Bari Michele Emiliano ha firmato ieri sera un'ordinanza con la quale dispone che gli animali randagi gestiti sul territorio dalle Associazioni animaliste e accompagnati presso l'ambulatorio del Dipartimento di Produzione Animale della Facoltà di Medicina Veterinaria per essere sottoposti ad interventi di sterilizzazione - secondo il programma approvato dalla Giunta Municipale (con deliberazione n. 344 del 27 aprile 2006) - devono essere microchippati a nome del Comune di Bari. Analoga attività di sterilizzazione e microchippatura, a nome del Comune di Bari, dovrà essere svolta dal Dipartimento di Produzione Animale, sebbene in un secondo momento, anche nei confronti degli animali randagi gestiti dalle Associazioni animaliste e da queste ultime accompagnati presso il Dipartimento dell'Emergenza e dei Trapianti d'Organo per essere sottoposti ad interventi chirurgici d'urgenza, secondo quanto previsto dalla succitata delibera di Giunta. Il tutto a condizione che l'animale prescelto sia per l'intervento di sterilizzazione sia per interventi di chirurgia d'urgenza non sia stato coinvolto in precedenti episodi di aggressione o comprovata pericolosità. L'ordinanza prevede inoltre che sia l'Associazione animalista interessata a reimmettere sul territorio di provenienza il cane già operato e/o sterilizzato e microchippato, purchè risulti non pericoloso, provvedendo altresì a gestire e controllare l'animale a proprie cure e spese. La presa in consegna dell'animale da parte delle Associazioni animaliste che si occuperanno di trasportarlo presso la facoltà di Medicina Veterinaria - recita inoltre l'ordinanza - dovrà essere verbalizzata da un agente di Polizia Municipale coadiuvato da un rappresentante dell'Ufficio Veterinario dell'ASL BA/4 anche al fine di escludere la potenziale pericolosità del cane. Per il trasporto dell'animale l'Associazione animalista potrà avvalersi del Servizio Veterinario medesimo. Tali operazioni dovranno essere programmate e calendarizzate dai soggetti interessati agli interventi (Associazioni animaliste - Università degli Studi - Servizio Veterinario ASL BA/4 e Comando di Polizia Municipale).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400