Venerdì 18 Gennaio 2019 | 11:00

Lei torna da mamma e lui lancia molotov

Un cittadino romeno è stato arrestato dai carabinieri a Mottola, perché avrebbe lanciato una bottiglia incendiaria contro la casa della suocera dove sua moglie s'era trasferita
MOTTOLA (TARANTO) - Avrebbe costretto la moglie a subire ricatti e soprusi di ogni genere, chiedendole anche di provvedere al sostentamento della famiglia e quando la donna, esasperata, è tornata a casa della madre, ha lanciato contro l'abitazione della suocera una bottiglia incendiaria, provocando un principio d'incendio. E' accaduto a Mottola, dove i carabinieri della compagnia di Massafra (Taranto) hanno arrestato un cittadino romeno di 32 anni, Laurentiu Marian Mociofleaca. L'uomo è accusato di incendio, estorsione, minaccia, danneggiamento e maltrattamenti in famiglia.
Secondo una ricostruzione dell'accaduto fatta dagli investigatori, quando l'uomo ha saputo che la moglie, stanca delle angherie, aveva deciso di lasciarlo e di trasferirsi a casa della madre, ha prima assillato di telefonate la moglie. L'ha minacciata intimandole di tornare con lui e non avendo ottenuto nulla ha lanciato una bottiglia molotov contro l'abitazione della suocera, che ha infranto una finestra e provocato un incendio che ha danneggiato un armadio e alcune suppellettili. L'uomo è stato riconosciuto dalla moglie mentre fuggiva a bordo della sua auto: poco dopo è stato rintracciato ed arrestato dai carabinieri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400