Domenica 17 Febbraio 2019 | 13:16

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
FoggiaNella notte
Foggia, a fuoco auto di un noto avvocato

Foggia, a fuoco auto di un noto avvocato

 
TarantoLe dichiarazioni
Emiliano a Taranto: «Il governo non può abbandonare ex Ilva»

Emiliano a Taranto: «Il governo non può abbandonare ex Ilva»

 
BatLa protesta
Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

 
BariDa piazza del ferrarese
Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

 
BrindisiNel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

Sms dal telefono aziendale: licenziato

La Corte d'Appello di Lecce aveva dato torto al lavoratore e la Cassazione ha confermato: l'uso del cellulare aziendale «per fini personali» è motivo valido per essere licenziato
ROMA - Usare il cellulare aziendale «per fini personali» è motivo valido per essere licenziato. Lo ha stabilito la Cassazione - sentenza n.15334 - rigettando il ricorso di un operaio della Telecom Italia. L'uomo, nel 2001 dopo trent'anni di lavoro in Azienda, si è visto recapitare una lettera di licenziamento per aver usato il cellulare aziendale in dotazione a scopi personali. La Corte d'Appello di Lecce, nel ricorso proposto dall'operaio aveva dato ragione all'azienda ritenendo il licenziamento rientrante nella giusta causa di licenziamento (ex art 2119 Codice Civile).
In particolare l'impiegato Telecom era stato accusato di aver utilizzato in maniera spropositata il sistema di sms del cellulare inviando un numero 'abnormè di messaggini. Successivamente si è scoperto che ad inviare i messaggi era il figlio ventenne, quando il padre lasciava incustodito il cellulare. Proprio in base a questo, l'operaio della Telecom aveva cercato di fare obiezione all'azienda, facendo appello alla sua non responsabilità nel caso ed al fatto che per trent'anni aveva lavorato senza mai un rimprovero ed una condotta sempre in linea con il luogo di lavoro. Questo , però, non è bastato e non solo il licenziamento è stato confermato ma la Telecom ha presentato un esposto anche nei confronti dello stesso figlio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400