Sabato 25 Maggio 2019 | 06:51

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Speciale Elezioni 2019Verso il voto
Comunali, Decaro: «La nostra è una storia straordinaria: Bari è più moderna e europea»

Comunali, Decaro: «La nostra è una storia straordinaria: Bari è più moderna e europea»

 
PotenzaAuto e motori
Melgi, record in Fca: è stata prodotta la 500millesima Fiat 500 X

Melfi, record in Fca: è stata prodotta la 500millesima Fiat 500 X

 
TarantoA Grottaglie
Non si ferma all'alt e investe un poliziotto: arrestato 46enne

Non si ferma all'alt e investe un poliziotto: arrestato 46enne

 
LecceL'episodio domenica scorsa
Lecce, assalto a gazebo Lega: denunciati 5 uomini e 2 donne di area anarchica

Lecce, assalto a gazebo Lega: denunciati 5 uomini e 2 donne di area anarchica

 
BatNella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
BrindisiLa segnalazione
Brindisi: cous-cous a mensa, i genitori protestano

Brindisi: cous-cous a mensa, i genitori protestano

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 

i più letti

Brindisi - Sequestrato un lido

Agenti della Guardia Forestale hanno messo i sigilli al "lido Arena", ad Apani-Torre Testa, contestando alla proprietaria di aver edificato le strutture in zona demaniale senza autorizzazioni
Corpo Forestale dello Stato BRINDISI - Un intero complesso balneare, il "Lido Arena" è stato sequestrato dalla Guardia forestale a conclusione di un sopralluogo eseguito all'interno della struttura. Le contestazioni: sarebbe stato realizzato su una zona di demanio marittimo della costa brindisina, in località Apani -Torre Testa, senza le dovute autorizzazioni,
Il lido è costituito da due schiere di cabine in muratura poste ai lati dell'ingresso, da un manufatto centrale, e da un parcheggio auto con 2 varchi di accesso alla spiaggia sottostante. Tutte opere che secondo gli agenti della Forestale sarebbero state realizzate in assenza delle prescritte autorizzazioni demaniali e doganali. Sempre secondo la Forestale, si tratta peraltro di opere non compatibili con il paesaggio e quindi non condonabili.
L'individuazione del limite dell'area demaniale è stata fatta tramite consultazione di una stampa-stralcio cartografico del Sistema Informativo Demanio Marittimo. La proprietaria del lido è stata denunciata per reati che vanno dalla costruzione di opere sia provvisorie sia permanenti in prossimità della linea doganale e del mare territoriale, senza l'autorizzazione del direttore della circoscrizione doganale, alla occupazione e innovazione di opere abusive su zone del demanio marittimo. Contestate anche l'arbitraria occupazione di spazio demaniale e l'inosservanza dei limiti alla proprietà privata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400