Martedì 19 Febbraio 2019 | 05:16

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

Brindisi - Sequestrato un lido

Agenti della Guardia Forestale hanno messo i sigilli al "lido Arena", ad Apani-Torre Testa, contestando alla proprietaria di aver edificato le strutture in zona demaniale senza autorizzazioni
Corpo Forestale dello Stato BRINDISI - Un intero complesso balneare, il "Lido Arena" è stato sequestrato dalla Guardia forestale a conclusione di un sopralluogo eseguito all'interno della struttura. Le contestazioni: sarebbe stato realizzato su una zona di demanio marittimo della costa brindisina, in località Apani -Torre Testa, senza le dovute autorizzazioni,
Il lido è costituito da due schiere di cabine in muratura poste ai lati dell'ingresso, da un manufatto centrale, e da un parcheggio auto con 2 varchi di accesso alla spiaggia sottostante. Tutte opere che secondo gli agenti della Forestale sarebbero state realizzate in assenza delle prescritte autorizzazioni demaniali e doganali. Sempre secondo la Forestale, si tratta peraltro di opere non compatibili con il paesaggio e quindi non condonabili.
L'individuazione del limite dell'area demaniale è stata fatta tramite consultazione di una stampa-stralcio cartografico del Sistema Informativo Demanio Marittimo. La proprietaria del lido è stata denunciata per reati che vanno dalla costruzione di opere sia provvisorie sia permanenti in prossimità della linea doganale e del mare territoriale, senza l'autorizzazione del direttore della circoscrizione doganale, alla occupazione e innovazione di opere abusive su zone del demanio marittimo. Contestate anche l'arbitraria occupazione di spazio demaniale e l'inosservanza dei limiti alla proprietà privata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400