Lunedì 18 Febbraio 2019 | 09:50

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa protesta
A Trani un sit-in dei cittadini contro la chiusura dell’ospedale

A Trani un sit-in dei cittadini contro la chiusura dell’ospedale

 
BrindisiIl caso
Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

 
BariI retroscena
Bari, lo spacciatore di Madonnella ucciso per un affare sbagliato

Bari, lo spacciatore di Madonnella ucciso per un affare sbagliato

 
TarantoSi è impiccato
Taranto, si uccide in carcere 78ene che massacrò a coltellate la moglie a Trepuzzi

Taranto, si uccide in carcere 78enne che massacrò a coltellate la moglie a Trepuzzi

 
FoggiaLite sulle elezioni
San Severo, scazzottata nella sede della Lega per il candidato sindaco. Due espulsi, arriva il commissario

San Severo, rissa nella sede della Lega per il candidato sindaco. Il partito li caccia

 
LecceNel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

In sicurezza 550lt olio del cargo affondato

Il contenitore che conteneva il lubrificante è stato vuotato e saldato dai sub. Il Tevfik Kaptan I è colato a picco lo scorso 28 giugno nelle acque di Leuca
GALLIPOLI (LECCE) - Non c'è più olio lubrificante nel relitto della Tevfik Kaptan I, il cargo turco affondato lo scorso 28 giugno nelle acque di Leuca. La cassa che ne conteneva circa 550 litri è stata completamente svuotata e i sub dopo lo svuotamento hanno anche provveduto a saldare lo stesso contenitore. Con questo intervento si può dire che è scongiurato il pericolo di inquinamento.
L'operazione, che è risultata particolarmente laboriosa, è stata ultimata dopo che il capitano di fregata Giacomo Salerno, comandante della Capitaneria di Porto di Gallipoli, e i tecnici della Castalia Ecolmar hanno individuato le modalità di intervento più efficaci per lo svuotamento. Nel corso delle operazioni di oggi i sommozzatori della Guardia Costiera e dei Vigili del Fuoco hanno inoltre recuperato tutte le sostanze inquinanti - batterie e latte di solvente - che si trovavano sulla nave.
Due taniche contenenti gasolio (prodotto molto volatile) in quantità notevolmente ridotta, sono rinchiuse in una zona della sala macchine, che risulta impraticabile. Le operazioni di bonifica continueranno domani con i mezzi di superficie.
La zona di mare in cui giace il relitto resterà interdetta alla navigazione fino a quando non saranno completate tutte le operazioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400