Martedì 19 Febbraio 2019 | 20:24

NEWS DALLE PROVINCE

LecceComponente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
MateraNel Materano
Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

 
BariInaugura il 21 febbraio
Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

 
TarantoAl Teatro Fusco
La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

 
BrindisiA Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
BatDopo la denuncia
Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

 
FoggiaLa storia
«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 

Castellaneta - Si allarga l'inchiesta

Per le morti sospette nel reparto di terapia intensiva, la Procura di Taranto ha fatto notificare altre 3 informazioni di garanzia • Lunedì le prime esumazioni • Revocato il mandato di direttore Ausl a Marco Urago
Castellaneta Reparto Utic CASTELLANETA (Taranto) - La Procura della Repubblica di Taranto ha fatto notificare altre tre informazioni di garanzia nell'ambito dell'inchiesta sulle morti sospette nel reparto di Unità di terapia intensiva coronarica dell'ospedale di Castellaneta. Gli indagati sono Michele Ferrante, di 34 anni, Corrado Pisanelli, di 44 anni, e Martino Sartori, di 49 anni, tutti anestesisti che hanno prestato servizio nel reparto dal 20 aprile, giorno dell'inizio dell'attività, al 4 maggio, giorno in cui il reparto è stato posto sotto sequestro. Il numero degli indagati sale in questo modo a 20.
Intanto questa mattina nel cimitero di Ginosa (Taranto) verranno eseguite le autopsie sulle prime due salme riesumate di pazienti morti nel reparto Utic. Le salme sono quelle di Vincenzo Tortorella, di Laterza, e di Antonio Naselli, di Ginosa, morti il 20 aprile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400