Martedì 19 Febbraio 2019 | 05:38

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

Bari - Protesta contro Nicolais

Il ministro per le Riforme e l'innovazione tecnologica accolto al Politecnico da una contestazione organizzata da un gruppo di studenti di Azione Universitaria, alcuni mascherati da banda Bassotti • Il suo calendario di incontri
Il ministro Luigi Nicolais BARI - Il ministro per le Riforme e l'innovazione tecnologica Luigi Nicolais al suo arrivo al Politecnico di Bari è stato accolto dalla protesta di un gruppo di studenti di Azione Universitaria, alcuni mascherati da banda Bassotti con uno striscione che intimava «mani in alto... questa è una finanziaria» mentre altri lanciavano finte banconote. Il ministro ha anche risposto ribadendo i temi della difficoltà del bilancio dello Stato. Parlando con i giornalisti, Nicolais ha ricordato che «abbiamo vissuto un periodo difficile, avevamo 15 miliardi di debiti da onorare e obbligatoriamente abbiamo dovuto fare tagli, io personalmente ma anche altri ministri abbiamo riconosciuto che probabilmente l'Università non doveva far parte di questo pacchetto di tagli e quindi cerchiamo di risolvere il problema appena possibile». «Ora l'economia va meglio, il flusso delle entrate fiscali è migliorato, abbiamo una situazione diversa - ha aggiunto - io da ingegnere dico che quando abbiamo un'equazione la soluzione dipende dalle condizioni a contorno, ora fortunatamente sono migliorate».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400