Martedì 19 Febbraio 2019 | 07:18

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

Andria - Sventata strage in Municipio

Nella notte scorsa qualcuno ha sabotato l'impianto di riscaldamento a gas, trasformando il Comune in una "bomba" pronta ad esplodere. Vigili del fuoco ed Italgas sono intervenuti dopo una telefonata anonima • La reazione del Sindaco
Andria - Sventata strage in Municipio
Andria ANDRIA - Indagini sono in corso da parte delle forze dell'ordine per identificare le persone che la notte scorsa hanno compiuto un attentato nel Comune di Andria, manomettendo l'impianto di riscaldamento alimentato a gas.
La manomissione, secondo i tecnici dell'Italgas intervenuti stamattina per l'allarme dato da una telefonata anonima ai vigili di Andria, avrebbe comportato un'esplosione nell'edificio, appena la prima persona che fosse entrata nel Comune avesse anche soltanto provato ad accendere la luce.
Gli sconosciuti - a quanto è stato accertato sinora - sono entrati nella cabina del sistema di riscaldamento del Comune, forzato la serratura, portato via gli estintori e manomesso l'impianto a gas, recidendo di netto i tubi dell'elettrovalvola. Alcuni tubi sono stati forati.
A quanto si è appreso, la struttura danneggiata porta il riscaldamento a tutti gli ambienti comunali.
La cabina del sistema di riscaldamento è adiacente alla parete destra di palazzo di città, in piazza Umberto, dove un tempo erano gli uffici del comando di Polizia municipale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400