Sabato 16 Febbraio 2019 | 00:50

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

 
BariL'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
MateraNel 2009
Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

 
TarantoDenunce
Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

 
PotenzaNel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
BrindisiProvoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
LecceNuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 

Capitanata - Chieste 13 condanne

Nell'ambito del processo "stralcio" con rito abbreviato ad altrettanti presunti aderenti ad un'associazione mafiosa finalizzata al traffico di droga. Un'altra ventina di imputati è attualmente a giudizio, con rito ordinario, dinanzi la Corte d'assise di Foggia ed è contestato anche il duplice omicidio premeditato e l'occultamento dei cadaveri di Matteo e Michele Russo (assassinati ad Apricena il 2 novembre 2001)
BARI - Tredici condanne a pene comprese tra i quattro e i nove anni di reclusione sono state chieste dalla pubblica accusa al processo "stralcio" con rito abbreviato ad altrettanti presunti aderenti all'associazione mafiosa finalizzata al traffico di droga capeggiata da Vincenzo Padula, attiva ad Apricena (Foggia) tra il 2002 e il 2003. Le richieste di pena, sulle quali deciderà il gup Anna Rosa De Palo, sono state avanzate dal pm inquirente della Dda, Domenico Seccia.
Un'altra ventina di imputati è attualmente a giudizio, con rito ordinario, dinanzi la Corte d'assise di Foggia perchè nel procedimento, oltre alla detenzione di armi, alle estorsioni, ai furti e allo spaccio di droga, è contestato il duplice omicidio premeditato e l'occultamento dei cadaveri di Matteo e Michele Russo (assassinati ad Apricena il 2 novembre 2001).
La pena più alta è stata chiesta per Giovanni De Cato, di 30 anni; otto anni per Mario Cursio e Michele Martino, di 46, e per Cataldo Zimotti, di 36; sette anni per Gennaro Giovanditto, di 33, Nicola Gramone, di 39, e Michele Antonio Orciulo, di 42; sei anni per Antonio Cursio, di 49, Domenico Della Fazia, di 54, e Francesco Lauriola, di 41; quattro anni per Maria Domenica D'Orfeo, di 38, Matteo La Pietra, di 47, e Luigi Settanni, di 44.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400