Giovedì 17 Gennaio 2019 | 06:10

Operazione antidroga dei carabinieri in Capitanata

Venti persone sono state arrestate in due operazioni dei Cc della compagnia di san Giovanni Rotondo e di Cerignola accusate, a vario titolo, di traffico e detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti
BARI - Venti persone sono state arrestate in due operazioni dai carabinieri della compagnia di san Giovanni Rotondo e di Cerignola accusate, a vario titolo, di traffico e detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. L'indagine, avviata nel 2004, ha consentito di scoprire una rete criminale che, ben strutturata e radicata nei due comuni della provincia di Foggia importava e smerciava notevoli quantitativi di droga, in particolare cocaina e hashish, alimentando l'illecito mercato dello spaccio nella Capitanata, con profitti che, secondo i militari dell'Arma, potevano raggiungere anche oltre 100 mila euro al mese. Quindici le persone arrestate dai carabinieri di San Giovanni Rotondo nel blitz «La Casina», dalla località del centro garganico dove avvenivano gli incontri tra gli spacciatori e i clienti, mentre sono 5 quelli del blitz di Cerignola denominato «Karate», dal soprannome di uno degli indagati. Le operazioni sono state portate a termine nello stesso periodo poichè nel corso delle indagini i carabinieri di San Giovanni Rotondo hanno intercettato una telefonata in cui un cerignolano si adoperava per consegnare ad uno degli indagati 200 grammi di cocaina. Gli interventi dimostrano come sia aumentato lo smercio della droga in tutta la provincia di Foggia: dal 2004 a San Giovanni Rotondo, per esempio, si è passati da 10 assuntori denunciati per uso di sostanze stupefacenti agli oltre cento dello scorso anno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400