Lunedì 18 Febbraio 2019 | 20:27

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

Bari - «Baciami le mani» al rifiuto, lo picchia

Uno studente di undici anni ha picchiato e spedito all'ospedale un coetaneo, durante l'orario di lezione e in assenza dell'insegnante, perché la vittima non aveva voluto «baciargli le mani». L'ennesimo episodio di bullismo - ricostruito dagli agenti della squadra mobile della questura - è accaduto in una scuola media del capoluogo pugliese
BARI - Uno studente di undici anni ha picchiato e spedito all'ospedale un coetaneo, durante l'orario di lezione e in assenza dell'insegnante, perché la vittima non aveva voluto «baciargli le mani». L'episodio - ricostruito dagli agenti della squadra mobile della questura - è accaduto in una scuola media del capoluogo.
La violenza compiuta dall'undicenne, figlio di un pregiudicato, e seguito da tempo da personale dei servizi sociali, è stata denunciata dai genitori del ragazzo picchiato, rimasto ricoverato per una settimana. Dai racconti fatti dal piccolo e dalle indagini compiute dalla polizia insieme con magistrati del Tribunale per i minorenni, è emerso che l'undicenne «voleva comandare e pretendeva il rispetto dai compagni di classe».
L'aggressione, secondo gli agenti, è stata fatta dopo che per l'ennesima volta l'undicenne aveva ricevuto «risposta negativa» all'atto di sottomissione. L'episodio è accaduto «alla presenza di alcuni compagni ma in assenza delle insegnanti poichè al cambio dell'ora di lezione».
I due - conclude la polizia - «erano stati già protagonisti di episodi simili, noti anche agli insegnanti al punto che il giovane autore dell'aggressione, a seguito di uno di questi episodi è stato sospeso per cinque giorni dalle lezioni».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400