Domenica 19 Maggio 2019 | 21:42

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIn mattinata
Lecce, assalto al gazebo Lega in centro: una ragazza contusa. Martedì atteso Salvini

Lecce, assalto a gazebo Lega in centro: 17enne contusa. Salvini: vergogna

 
BatIl diretto
Ferrovie: l'Alta Velocità arriva a Barletta, due Frecciargento da e per Roma

Treni, a Barletta fermerà Bari-Roma. Mit: nuovi servizi su Alta velocità. Che non esiste

 
TarantoNel tarantino
Manduria, anziano pestato a morte da baby-gang: altri 4 minori indagati

Manduria, anziano pestato a morte: indagati altri 4 minori

 
FoggiaNel foggiano
Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop a Emiliano

Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop

 
Brindisinel brindisino
Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

 
PotenzaA ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

 

i più letti

Bari - «Baciami le mani» al rifiuto, lo picchia

Uno studente di undici anni ha picchiato e spedito all'ospedale un coetaneo, durante l'orario di lezione e in assenza dell'insegnante, perché la vittima non aveva voluto «baciargli le mani». L'ennesimo episodio di bullismo - ricostruito dagli agenti della squadra mobile della questura - è accaduto in una scuola media del capoluogo pugliese
BARI - Uno studente di undici anni ha picchiato e spedito all'ospedale un coetaneo, durante l'orario di lezione e in assenza dell'insegnante, perché la vittima non aveva voluto «baciargli le mani». L'episodio - ricostruito dagli agenti della squadra mobile della questura - è accaduto in una scuola media del capoluogo.
La violenza compiuta dall'undicenne, figlio di un pregiudicato, e seguito da tempo da personale dei servizi sociali, è stata denunciata dai genitori del ragazzo picchiato, rimasto ricoverato per una settimana. Dai racconti fatti dal piccolo e dalle indagini compiute dalla polizia insieme con magistrati del Tribunale per i minorenni, è emerso che l'undicenne «voleva comandare e pretendeva il rispetto dai compagni di classe».
L'aggressione, secondo gli agenti, è stata fatta dopo che per l'ennesima volta l'undicenne aveva ricevuto «risposta negativa» all'atto di sottomissione. L'episodio è accaduto «alla presenza di alcuni compagni ma in assenza delle insegnanti poichè al cambio dell'ora di lezione».
I due - conclude la polizia - «erano stati già protagonisti di episodi simili, noti anche agli insegnanti al punto che il giovane autore dell'aggressione, a seguito di uno di questi episodi è stato sospeso per cinque giorni dalle lezioni».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400