Venerdì 18 Gennaio 2019 | 02:27

L'ammazzano in strada ma nessuno ha visto

Ieri mattina, nel quartiere San Girolamo di Bari, uno o forse due assassini hanno sparato almeno otto colpi di pistola. La metà è andata a segno uccidendo il 24enne Domenico Chiumarulo, a bordo del suo ciclomotore. Al momento non s'è trovato alcun testiomone. In molti sono stati interrogati in questura ma senza risultati. Tre persone sono state sottoposte alla prova dello stub • Forse ucciso per aver tradito il clan Strisciuglio
BARI - Tre persone sono state sottoposte dalla polizia alla prova dello stub nell'ambito delle indagini sull'omicidio di Domenico Chiumarulo, il pregiudicato di 24 anni ucciso ieri mattina con colpi di pistola al quartiere San Girolamo di Bari. Lo si è appreso da fonti investigative.
Gli inquirenti hanno interrogato in questura numerose persone, ma tra queste non ci sono testimoni oculari del delitto. Secondo la polizia, il movente più probabile dell'omicidio resta quello di un regolamento di conti tra clan rivali.
Chiumarulo, che era uscito dal carcere da poche settimane, era ritenuto vicino al clan Strisciuglio. Il 23 gennaio 2006 era stato arrestato con le accuse di associazione mafiosa e spaccio di droga nell'ambito di un'operazione contro lo stesso gruppo malavitoso, sfociata nell'arresto di 182 persone. Ieri mattina, Chiumarulo era alla guida di un ciclomotore quando è caduto in un agguato mentre percorreva Strada San Girolamo. Uno o più killer, pare a bordo di un'auto, hanno sparato contro di lui almeno otto colpi di pistola calibro 9x21, la metà dei quali sono andati a segno, colpendo il giovane al volto e al petto.
In giornata è prevista l'autopsia sul corpo di Chiamarulo, disposta dal pm Desirè Digeronimo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400