Lunedì 21 Gennaio 2019 | 15:09

Gdf: Puglia di evasori e "caporali"

Nel corso del 2006 i finanzieri hanno scoperto 394 evasori totali e paratotali, 3mila lavoratori "in nero" o irregolari, e hanno denunciato 44 sfruttatori di braccianti
BARI - Nel 2006 la Guardia di Finanza in Puglia ha scoperto 394 evasori totali e paratotali, individuato circa 3mila lavoratori «in nero» o irregolari, e denunciato 44 «caporali». Sono alcuni dei dati emersi nella tradizionale conferenza stampa di fine anno svoltasi al Comando Regionale Puglia della Gdf, presenti il gen.Luciano Inguaggiato, il capo di Stato Maggiore col. Costantino Catalano, ed i comandanti provinciali della Puglia. Nel bilancio dell'attività, spiccano le indagini sulle truffe ai danni dello Stato e della Comunità europea, sulle frodi di aiuti comunitari e di fondi strutturali, per un ammontare di oltre 45 mln di euro. La Guardia di Finanza ha accertato indebite percezioni di finanziamenti per 17mln per la legge 488/92, arrestato 19 persone e sequestrato beni per oltre 14 mln. In applicazione della normativa antimafia, i reparti hanno sequestrato mobili ed immobili per oltre 21mln e 10 aziende, mentre in tema di riciclaggio sono state denunciate 72 persone e sequestrati beni per oltre 30mln. In materia di stupefacenti, i militari hanno sequestrato tre tonnellate tra hashish e marijuana, 131 kg do cocaina, 68 di eroina, ed arrestato 207 persone, mentre quelle arrestate nell'ambito dell'azione di contrasto alla criminalità, sono state 296, nell'ambito di operazioni che hanno portato al sequestro di valute e titoli per 37,4 mln ed immobili per un valore commerciale di oltre 97mln. Infine, la lotta alla contraffazione ha portato al sequestro di 850mila prodotti falsamente marchiati «made in Italy», soprattutto di accessori d'abbigliamento, ed oltre 5 milioni di merci recanti «griffe» contraffatte, importate dall'Oriente, come giocattoli, orologi, calzature e capi di vestiario.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400