Martedì 19 Febbraio 2019 | 07:59

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

Atr 72: conclusa indagine di Palermo

Il volo Bari-Djerba della Tuninter, precipitato nelle acque palermitane il 6 agosto 2005, provocò 16 morti, 23 furono i sopravvissuti. Problemi nella trasmissione di documenti tra procure
BARI - La Procura della Repubblica di Palermo avrebbe concluso le indagini sul disastro dell'Atr 72 in volo da Bari a Djerba della Tuninter, precipitato nelle acque palermitane il 6 agosto 2005 con un bilancio di 16 morti e 23 sopravvissuti. Lo si è appreso dagli avvocati di parte civile Nicola Persico e Vito D'Astici.
«Abbiamo potuto prendere visione di parte degli atti di indagine - rilevano i legali - dai quali emerge con chiarezza un lavoro investigativo imponente e capillare, che ha portato alla individuazione di elementi di prova molto precisi».
«Dobbiamo dare atto ai pubblici ministeri Marzia Sabella ed Emanuele Ravaglioli - aggiungono - di aver ampiamente confermato le nostre aspettative, di aver operato con zelo ed efficacia. Il grande lavoro investigativo, evidentemente, è andato ben oltre l'impegno normalmente richiesto, ed è stato supportato da un team di consulenti dei quali non si può non rilevare la notevole competenza tecnica». «Purtroppo, allo stesso tempo - sottolineano Persico e D'Astici - abbiamo dovuto prendere atto della mancata trasmissione dei documenti richiesti per rogatoria dalla stessa Procura, nonostante le attività in tal senso dichiarate dal governo nei confronti delle autorità tunisine. Il processo, secondo noi, ne risulterà fortemente menomato».
«Ci interroghiamo sulle ragioni di questa mancata trasmissione - concludono - e valuteremo con l'avv.Ascanio Amenduni (difensore dell'hostess Dorra Naffati Bouguerra, che nel disastro ha perso il marito Moez, capo-steward), la eventualità di proporre comunque ricorso alla Corte europea».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400