Venerdì 18 Gennaio 2019 | 17:40

Il 90% degli studenti baresi è pronto a emigrare per lavoro

Studio dell'Agenzia per l'inclusione sociale su 21 istituti secondari superiori dell'area nord barese ofantina elaborando le risposte di 811 ragazzi iscritti all'ultimo anno
ROMA - Incerti sul proprio futuro, ma disposti a trasferirsi e spostarsi anche all'estero pur di realizzare le proprie ambizioni lavorative. Ecco come appaiono i giovani studenti dell'area nord barese ofantina che hanno partecipato alla ricerca effettuata dall'Agenzia per l'inclusione sociale. Lo studio ha interessato 21 istituti secondari superiori dell'area e ha preso in considerazione le risposte di 811 studenti che nell'anno 2005-06 frequentavano l'ultimo anno. Il settore dei servizi quello preferito dagli intervistati. Ai
primi posti i campi riguardanti gli audiovisivi, lo spettacolo e la
pubblicità, il turismo; a seguire formazione e educazione. Meno
prediletti invece i settori delle attività associative e dei
trasporti. Cala l'interesse verso il settore produttivo, che comunque
raccoglie consensi nell'edilizia e nei lavori pubblici, nel tessile,
nell'abbigliamento e nel cuoio, nel settore elettrico ed elettronico.
Poco ambite le attività produttive di legno e carta. Inoltre dalla ricerca è emerso che la progettazione e l'ideazione conquistano gli studenti, accanto alle attività che prevedono di stare a contatto con altre persone e di viaggiare. Scartati invece i mestirei che richiedono mansioni manuali e di precisione.Quasi il 90 per cento ha poi dichiarato di essere disposto a trasferirsi per realizzare le proprie ambizioni lavorative, mentre e oltre la metà è disposto a varcare i confini italiani per cercare lavoro pur di avere gratificazioni professionali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400