Venerdì 15 Novembre 2019 | 03:18

Il Biancorosso

serie c
Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatL'indagine del 2015
Minacce a testimoni, condannati due ex pm di Trani Ruggiero e Pesce

Minacce a testimoni, condannati due ex pm di Trani Ruggiero e Pesce

 
MateraIl ritrovamento
Metaponto, cc scoprono discarica a cielo aperto: messa in sicurezza

Metaponto, cc scoprono discarica a cielo aperto: messa in sicurezza

 
TarantoLa polemica
Ex Ilva, bufera sulla Bellanova e il quadro abbandonato a Taranto: «Un errore»

Ex Ilva, bufera sulla Bellanova e il quadro abbandonato a Taranto: «Un errore»

 
LecceIl caso
Galatina, imprenditore agricolo spara a operaio e lo ferisce al volto

Galatina, imprenditore agricolo spara a operaio e lo ferisce al volto

 
BariLa sentenza
Santeramo, anziana uccisa e derubata, ribaltone in appello: condannata la badante

Santeramo, anziana uccisa e derubata, ribaltone in appello: condannata a 21 anni la badante

 
FoggiaA poggio imperiale
Foggia, anziani picchiati con mazze e rapinati in casa per 200 euro

Foggia, anziani picchiati con mazze e rapinati in casa per 200 euro

 
BrindisiAgricoltura
Brindisi, nasce la Banca della Terra per i giovani che vogliono fare i contadini

Brindisi, nasce la Banca della Terra per i giovani che vogliono fare i contadini

 
PotenzaLa città che cambia
Potenza, riaperto al traffico il ponte di Montereale

Potenza, riaperto al traffico il ponte di Montereale

 

i più letti

Scacco a clan Scu 32 arresti a Taranto Gip: prove certe su mafiosità

TARANTO – Le indagini, avviate nel 2011 dai carabinieri del nucleo investigativo del Reparto operativo di Taranto e dirette dalla Dda di Lecce, hanno – secondo l’accusa - permesso di delineare un organigramma criminale di tipo mafioso operante nell’area occidentale ed orientale della provincia ionica ed in particolare nei comuni di Crispiano, Statte, Lizzano, Pulsano e Torricella
Scacco a clan Scu 32 arresti a Taranto Gip: prove certe su mafiosità
TARANTO – Un’ordinanza di custodia cautelare è stata notificata dai carabinieri del comando provinciale di Taranto a 32 indagati ritenuti affiliati ad un’associazione per delinquere di tipo mafioso legata alla Sacra Corona Unita. Gli arrestati sono anche accusati di aver preso parte al traffico e allo spaccio di cocaina, eroina ed hashish, con l’aggravante della disponibilità di armi, munizioni e materie esplodenti. Sono state seguite numerose perquisizioni con l’ausilio anche di cani antidroga e addestrati nella ricerca armi ed esplosivi. All’operazione, eseguita su disposizione della Dda di Lecce, hanno partecipato circa 150 militari con l’ausilio di un elicottero dell’Arma.

Le indagini, avviate nel 2011 dai carabinieri del nucleo investigativo del Reparto operativo di Taranto e dirette dalla Dda di Lecce, hanno – secondo l’accusa - permesso di delineare un organigramma criminale di tipo mafioso operante nell’area occidentale ed orientale della provincia ionica ed in particolare nei comuni di Crispiano, Statte, Lizzano, Pulsano e Torricella. A capo dell’organizzazione sarebbero stati il crispianese Francesco Locorotondo e i fratelli lizzanesi Cataldo e Giovanni Giuliano Cagnazzo. Le attività tecniche hanno consentito di accertare che la principale attività del gruppo criminale era il traffico di sostanze stupefacenti e che, per il conseguimento delle finalità dell’associazione, i partecipanti avevano la disponibilità di armi e materie esplodenti. Capo indiscusso del omonimo gruppo criminale, secondo gli investigatori, è Francesco Locorotondo, boss della vecchia mala tarantina, dotato del grado malavitoso di 'Medaglione con Catena', massimo livello di affiliazione alla Sacra Corona Unita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie