Lunedì 18 Marzo 2019 | 23:39

Il Biancorosso

LE PAGELLE
Iadaresta aumenta il peso offensivoPozzebon grigio: neanche un tiro

Iadaresta aumenta il peso offensivo
Pozzebon grigio: neanche un tiro

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa visita
Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

 
TarantoIncidente stradale
Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

Scontro a Crispiano: muore maestra di 46 anni. Altro incidente a Manduria: muore 78enne

 
HomeUdienza preliminare
Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

 
PotenzaI controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
BatL'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
BrindisiIn pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

Ripulivano soldi Scu con i videopoker in 20 a processo

BRINDISI – Il gup di Lecce ha rinviato a giudizio 20 persone accusate di aver riciclato denaro proveniente da attività illecite gestite dalla Sacra Corona Unite, quali il contrabbando di sigarette e il traffico di droga. Altri tre imputati, tra cui il commercialista di Brindisi Gianpaolo Zeni, per anni presidente dell’Ordine dei commercialisti e candidato sindaco nel 2002, hanno scelto il rito abbreviato
Ripulivano soldi Scu con i videopoker in 20 a processo
BRINDISI – Il gup di Lecce, Annalisa De Benedictis, ha rinviato a giudizio 20 persone accusate di aver riciclato denaro proveniente da attività illecite gestite dalla Sacra Corona Unite, quali il contrabbando di sigarette e il traffico di droga. Altri tre imputati, tra cui il commercialista di Brindisi Gianpaolo Zeni, per anni presidente dell’Ordine dei commercialisti e candidato sindaco nel 2002, hanno scelto il rito abbreviato. Le accuse sono a vario titolo di riciclaggio (aggravato dall’aver favorito un’associazione mafiosa), trasferimento all’estero di ingenti capitali, impiego di denaro di illecita provenienza, bancarotta fraudolenta ed emissioni di fatture per operazioni inesistenti.

Si tratta di un’inchiesta della Dda di Lecce (pm Alessio Coccioli) e della procura di Brindisi (procuratore aggiunto Nicolangelo Ghizzardi), chiamata "Fast" che portò nel marzo del 2013 all’esecuzione di 19 ordinanze di custodia cautelare da parte della guardia di finanza di Brindisi. Tra le persone arrestate Albino Prudentino, ritenuto elemento di spicco della Scu. Secondo l’accusa, attraverso la Fast, società che si occupava della distribuzione di macchinette videopoker, venivano "ripuliti" soldi sporchi. Finita in cattive acque, alcuni imputati tentarono di far accedere la Fast al concordato preventivo attraverso la falsificazione della documentazione a cui avrebbero contribuito – secondo l’accusa – alcuni professionisti, tra cui Zeni e l’avvocato di Prudentino, Italo Sgura (tra i rinviati a giudizio). Per tutti gli imputati che hanno scelto il rito ordinario, il processo inizierà il 14 novembre prossimo. Per gli altri tre l’udienza per il rito abbreviato, dinanzi ad altro gup, è stata fissata per il primo dicembre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400