Martedì 19 Febbraio 2019 | 05:59

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

Bari - Le eredi del teatro Petruzzelli chiedono un incontro con il ministro Rutelli

La Finanziaria ha previsto l'esproprio dell'immobile, ma le sette sorelle annunciano opposizione legale
Teatro Petruzzelli di Bari BARI - Le sette eredi-proprietarie (espropriate) del teatro Petruzzelli di Bari hanno chiesto di poter incontrare il ministro per i Beni e le Attività culturali, Francesco Rutelli, che il 7 novembre prossimo sarà a Bari proprio per affrontare - con sindaco, prefetto e direttore della soprintendenza regionale - la vicenda del Petruzzelli, distrutto da un incendio doloso appiccato all'alba del 27 ottobre del 1991.
Nel telegramma inviato a Rutelli, le eredi chiedono di poter incontrare con urgenza il ministro per informarlo «della grave situazione che si sta delineando, e delle inevitabili conseguenze che si realizzerebbero a danno dell'interesse pubblico nel perseguire la strada dell'esproprio del teatro» decisa dal governo con la Finanziaria. Nel telegramma, firmato da Maria, Teresa, Vittoria, Chiara, Mariarosalba e Stefania Messeni Nemagna e da Nunziata Metteo, l'azione di esproprio viene definita «iniqua ed illegittima».
Nella sostanza le eredi vogliono evidenziare a Rutelli i rischi che le adottate modalità di espropriazione del teatro comportano per l'ente beneficiario. Infatti, le eredi hanno intenzione di promuovere un giudizio civile per rivendicare la proprietà del teatro nell'ambito del quale solleveranno questione di incostituzionalità dell'espropriazione, in quanto avvenuta direttamente per legge e al di fuori dei casi previsti dalla Costituzione. In questo caso la Consulta - secondo la tesi delle eredi - potrebbe dichiarare l'illegittimità dell'espropriazione determinando la restituzione del teatro, magari già ricostruito, alla famiglia proprietaria.
L'esproprio del Petruzzelli in favore del Comune di Bari (deciso per accelerarne la ripresa delle attività culturali del teatro Petruzzelli) è previsto dal decreto fiscale (in vigore dal 3 ottobre, approvato dalla Camera e ora al vaglio del Senato) che accompagna la Finanziaria, nel quale si precisa che il prefetto di Bari determinerà l'indennizzo spettante ai proprietari, dedotte le somme già liquidate dallo Stato e dagli enti territoriali per la ricostruzione del teatro. Viene inoltre assegnato al ministero per i Beni e le Attività culturali un contributo di otto milioni di euro per il 2007 per il completamento dei lavori di ristrutturazione del Petruzzelli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400