Domenica 19 Maggio 2019 | 18:47

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceQuesta mattina
Lecce, assalto al gazebo Lega in centro: una ragazza contusa. Martedì atteso Salvini

Lecce, assalto a gazebo Lega in centro: 17enne contusa. Martedì atteso Salvini

 
BatTrasporti
Ferrovie: l'Alta Velocità arriva a Barletta, due Frecciargento da e per Roma

Ferrovie, il Mit annuncia: in Puglia nuovi servizi sull'Alta velocità. Ma non esiste

 
TarantoNel tarantino
Manduria, anziano pestato a morte da baby-gang: altri 4 minori indagati

Manduria, anziano pestato a morte da baby-gang: altri 4 minori indagati

 
FoggiaNel foggiano
Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop a Emiliano

Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop a Emiliano

 
Brindisinel brindisino
Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

 
PotenzaA ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

 

i più letti

Calcio in lutto: è morto Franco Mancini

Conosciuto da tutti come il "coreano", il portiere umbro aveva 58 anni ed è stato stroncato da un infarto. Il passaggio alla serie A fu preceduto dalla militanza, in B, nelle fila del Bari
CITTA' DI CASTELLO (PERUGIA) - All'età di 58 anni, che aveva compiuto lo scorso 17 aprile, è morto improvvisamente la scorsa notte per un infarto, nella sua casa di Città di Castello, l'ex portiere Franco Mancini, che lascia la moglie Patrizia e due figlie.
Mancini aveva cominciato la sua lunga carriera di calciatore in serie D con la squadra della propria città, per poi passare in serie C con la Lucchese, in B con il Bari e quindi in A con il Bologna. Aveva fatto il suo esordio nella massima serie il 5 ottobre del 1975, indossando la maglia rossoblu dei felsinei nella gara con il Torino.
Conosciuto con il soprannome di «coreano», rimase tre anni in serie A con il Bologna, per poi tornare in Umbria con il «Perugia dei miracoli» di Ilario Castagner, a partire dall' ottobre del 1978. In tutto giocò 104 partite in serie A.
Dopo aver lasciato la carriera, rimase alcuni anni nel mondo del calcio, come allenatore dei portieri, sempre nelle file del Perugia. Successivamente, prima di allontanarsi definitivamente dal calcio, fu anche responsabile del settore giovanile del Città di Castello.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400