Venerdì 24 Maggio 2019 | 03:04

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl candidato
Comunali, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

Comunali Bari, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 
PotenzaStatale 653
Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

 
BatLa sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
BrindisiNel brindisino
Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

 
Tarantonel tarantino
Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

 
LecceSenza lavoro
Povertà: a Lecce aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

Povertà: aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

 
FoggiaLo studio
Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

 

i più letti

Monitor per onde magnetiche a Cerignola

Le quattro centraline sono state installate nelle vicinanze di impianti per la telefonia mobile per la rilevazione delle emissioni elettromagnetiche e i livelli di inquinamento
CERIGNOLA - Sono state montate ieri mattina, dai tecnici dell'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente (ARPA Puglia), quattro centraline per la rilevazione delle emissioni elettromagnetiche. Gli apparecchi sono stati installati nelle vicinanze di impianti per la telefonia mobile, installati prima dell'adozione del regolamento comunale che impose la moratoria, e saranno in funzione 24 ore su 24 per verificare i livelli di emissione e, di conseguenza, il rispetto dei limiti previsti dalla legge. Il monitoraggio durerà per 15 giorni nei siti individuati dall'Amministrazione comunale (scuola elementare 'Marconì, in viale Giuseppe Di Vittorio; Palazzo di Città; via Gubbio e via Generale da Bormida) e al termine di tale periodo saranno trasferiti in altre 4 zone per effettuare ulteriori verifiche.
«E' il primo atto concreto determinato dalla concertazione avviata con i gestori della telefonia per l'individuazione delle zone più idonee ad ospitare impianti per la telefonia mobile - spiega l'assessore all'Ambiente, Pietro Saccinto.
«Le aziende hanno accolto la richiesta dell'Amministrazione comunale a sospendere ogni procedura in atto fino a quando non saranno resi noti i risultati del monitoraggio - aggiunge il sindaco, Matteo Valentino - e credo che entro la fine dell'anno riusciremo ad affrontare la discussione in Consiglio comunale per l'approvazione del nuovo regolamento comunale». La bozza del documento contiene la previsione dell'utilizzo esclusivo di aree pubbliche, preferibilmente del Comune, situate all'estrema periferia o al di fuori della cintura urbana per le antenne per le telecomunicazioni e le trasmissioni radiotelevisive.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400