Martedì 19 Febbraio 2019 | 09:48

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

Commercianti Bari al Tar contro aperture domenicali

Le associazioni "La domenica non si tocca" e il Cna (artigiani) di Bari contro l'ordinanza del sindaco che ha dato facoltà ai negozianti di aprire la domenica durante l'estate
BARI - Si sono appellati al Tar, il tribunale amministrativo regionale, di Bari le associazioni "La domenica non si tocca" e il Cna (artigiani) di Bari contro l'ordinanza con la quale il sindaco del capoluogo pugliese, Michele Emiliano, il 22 giugno scorso ha dato facoltà ai negozianti di derogare all'obbligo di chiusura nelle domeniche di luglio e di agosto e nella prima di settembre. Decisione presa da Emiliano in considerazione del riconoscimento di Bari quale città turistica.
Le associazioni chiedono al giudice amministrativo l'annullamento previa sospensione dell'ordinanza del sindaco per violazione della legge, eccesso di potere, illegittimità, tutte accuse lungamente argomentate nel ricorso. Oltre a questo sottolineano che l'esecuzione di questa ordinanza determinerebbe «un danno grave e irreparabile per gli esercenti il piccolo commercio sul territorio comunale».
Questo anche in considerazione del fatto che - sottolineano le associazioni - l'apertura domenicale per i piccoli commercianti comporta un «enorme sacrificio» in termini sia economici, per i costi che devono soportare, sia di carattere personale, dovendo essi lavorare anche di domenica a scapito degli impegni familiari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400