Venerdì 24 Maggio 2019 | 02:54

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl candidato
Comunali, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

Comunali Bari, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 
PotenzaStatale 653
Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

 
BatLa sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
BrindisiNel brindisino
Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

 
Tarantonel tarantino
Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

 
LecceSenza lavoro
Povertà: a Lecce aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

Povertà: aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

 
FoggiaLo studio
Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

 

i più letti

Aqp - Bilancio '05 solo +0,4 milioni

Nel rendiconto per gli azionisti (Regioni Puglia e Basilicata) si chiede l'accantonamento di 8,1 milioni per far fronte al prestito obbligazionario. Per il 2006 prevista chiusura in "pareggio"
Bari - Il palazzo dell BARI - Il Consiglio di amministrazione dell'Acquedotto pugliese ha approvato il progetto di bilancio 2005 da sottoporre all'approvazione degli azionisti (Regioni Puglia e Basilicata). Lo annuncia una nota. «L'utile 2005 (0,4 milioni di euro) - viene spiegato - sarebbe di 8,5 milioni di euro se non vi fosse stata la necessità di un accantonamento di 8,1 milioni di euro al fondo rischi per il prestito obbligazionario».
Per il 2006, la società «prevede un sostanziale pareggio nonostante: il congelamento della tariffa in termini reali (+1,7% pari all'inflazione programmata); la presenza di maggiori costi operativi (+14,3 milioni di euro); l'opportunità di ulteriori accantonamenti per il prestito obbligazionario per 8,3 milioni di euro».

Acquedotto pugliese - conclude il comunicato - «sta valutando ogni possibile alternativa che consenta una soluzione efficiente ed economicamente conveniente per contenere il rischio di credito della componente relativa al fondo di accumulo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400