Venerdì 15 Febbraio 2019 | 23:56

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

 
BariL'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
MateraNel 2009
Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

 
TarantoDenunce
Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

 
PotenzaNel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
BrindisiProvoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
LecceNuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 

Aqp - Bilancio '05 solo +0,4 milioni

Nel rendiconto per gli azionisti (Regioni Puglia e Basilicata) si chiede l'accantonamento di 8,1 milioni per far fronte al prestito obbligazionario. Per il 2006 prevista chiusura in "pareggio"
Bari - Il palazzo dell BARI - Il Consiglio di amministrazione dell'Acquedotto pugliese ha approvato il progetto di bilancio 2005 da sottoporre all'approvazione degli azionisti (Regioni Puglia e Basilicata). Lo annuncia una nota. «L'utile 2005 (0,4 milioni di euro) - viene spiegato - sarebbe di 8,5 milioni di euro se non vi fosse stata la necessità di un accantonamento di 8,1 milioni di euro al fondo rischi per il prestito obbligazionario».
Per il 2006, la società «prevede un sostanziale pareggio nonostante: il congelamento della tariffa in termini reali (+1,7% pari all'inflazione programmata); la presenza di maggiori costi operativi (+14,3 milioni di euro); l'opportunità di ulteriori accantonamenti per il prestito obbligazionario per 8,3 milioni di euro».

Acquedotto pugliese - conclude il comunicato - «sta valutando ogni possibile alternativa che consenta una soluzione efficiente ed economicamente conveniente per contenere il rischio di credito della componente relativa al fondo di accumulo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400