Domenica 20 Gennaio 2019 | 06:53

Tratta delle bianche sgominata a Foggia

Arrestati due sfruttatori albanesi e un romeno, un quarto è sfuggito. Facevano arrivare in Italia ragazze anche minorenno dalla Romania e le facevano prostituire
FOGGIA - Facevano arrivare dalla Romania, con la promessa di un lavoro, giovani donne tra le quali anche minorenni, e una volta giunte in Italia le avviavano alla prostituzione. Il traffico è stato scoperto a Foggia dove, in esecuzione di ordinanze di custodia cautelare, agenti della squadra mobile della questura hanno arrestato due albanesi Myrteza Dauti detto Gigi, di 29 anni, Agron Myslymi detto Doko Agron, di 41 anni, e un romeno Florin Daniel Marinica, di 27 anni. Una quarta persona, anche lui albanese, è sfuggito alla cattura. Sono accusati di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione in concorso.
A quanto si è saputo, in un paio di occasioni, una delle minorenni, trasferita dagli agenti di polizia in un Centro di recupero, era stata prelevata da uno degli arrestati e avviata nuovamente alla prostituzione.

Le indagini della squadra mobile sono state avviate nel giugno dell'anno scorso quando emerse che, a Manfredonia ed in altre località marittime del litorale sipontino, un gruppo di criminali composto da cittadini di nazionalità albanese e romena dopo aver favorito l'ingresso clandestino in Italia di ragazze romene, anche minorenni, le avviava poi alla prostituzione. Le indagini, per le quali sono state utilizzate intercettazioni telefoniche e appostamenti, hanno consentito di accertare che gli indagati erano in stretto collegamento con organizzazioni criminose operanti in altre città italiane che fungevano da intermediari con persone che reclutavano le giovani donne in Romania e Albania.
Le ragazze, appena giunte in Italia, venivano alloggiate in località marittime della provincia di Foggia e costrette a prostituirsi. E' stato inoltre accertato che gli sfruttatori costringevano le ragazze a rimanere sul luogo di lavoro fino a quando non avessero guadagnato una cifra considerata sufficiente. Nell'ambito delle indagini sono stati anche denunciati altri tre uomini, di nazionalità romena e albanese. Le ordinanze sono state emesse dal gip del tribunale di Fogggia, Rita Curci, su richiesta del pm Vincenzo Maria Bafundi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400