Martedì 21 Maggio 2019 | 00:59

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Taranto, il questore vieta i funerali pubblici per il boss Taurino

Taranto, il questore vieta i funerali pubblici per il boss Taurino

 
BariL'evento
Ecco «Bitonto cortili aperti» con la guida di 800 studenti

Ecco «Bitonto cortili aperti» con la guida di 800 studenti

 
BrindisiL'appello di Adelina
Da 20 anni a Brindisi: «Sono malata datemi la cittadinanza»

Da 20 anni a Brindisi: «Sono malata datemi la cittadinanza»

 
PotenzaComando provinciale
Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

 
BatSanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
HomeLa visita
Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

 
LecceIl sopralluogo
Xylella, Centinaio: «Chiedo scusa alla Puglia per il voltafaccia dello Stato»

Xylella, Centinaio: «Chiedo scusa alla Puglia per il voltafaccia dello Stato» FT
Ulivi infetti anche nel Tarantino

 
MateraAi domiciliari
Matera, minaccia moglie e la picchia davanti ai figli, arrestato

Matera, minaccia moglie e la picchia davanti ai figli, arrestato

 

i più letti

Foggia - Recuperati tesori archeologici

I pezzi erano nascosti nell'abitazione di due fratelli, di 43 e 41 anni, che sono stati denunciati per avere trafugato e venduto beni ritenuti di inestimabile valore
MANFREDONIA (FOGGIA) - Circa cento reperti archeologici del IV e VI secolo a.C., considerati dagli esperti di inestimabile valore e che erano stati trafugati in siti archeologici pugliesi, sono stati recuperati dalla polizia a Manfredonia. I reperti erano nascosti nell'abitazione di due fratelli, di 43 e 41 anni, che sono stati denunciati per avere trafugato e successivamente venduto reperti. Una volta scoperti, i due hanno indicato agli investigatori i luoghi da cui avevano prelevato gli oggetti nelle campagne di Manfredonia.
Tra i novantacinque pezzi sequestrati, risaltano i crateri a campana, specchi circolari, punte di lancia da guerra e da caccia, cinturoni di guerrieri sipontini, anfore di varie misure e di varie epoche, molti skiphos, un guttus raffigurante medusa, diversi piatti e calici ed alcuni klix con rappresentazioni.
L'operazione ha portato anche alla denuncia di una donna di 43 anni che era in trattative per l'acquisto di alcuni pezzi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400