Domenica 20 Gennaio 2019 | 17:46

Reliquie di S. Nicola donate alla Grecia

Festa grande sull'isola di Syros, nel Mare Egeo, per il dono inviato dalla Chiesa di Milano, su iniziativa del cardinale Dionigi Tettamanzi. Riparte il dialogo interreligioso
San Nicola ATENE - Festa grande sull'isola greca di Syros, nel Mare Egeo, per l'arrivo di parte delle reliquie di San Nicola - il "santo dei forestieri" patrono di Bari, l'antico vescovo di Myra (in Asia Minore, dove fu vescovo) il cui culto unisce da quasi un millennio Oriente e Occidente, cattolici e ortodossi - donate dalla Chiesa di Milano alla Santa Metropoli di Syros. Lo riferisce oggi con dovizia di particolari l'agenzia greca Ana-Mpa precisando che ad accogliere le venerate reliquie sull'isola di Syros ieri c'era anche l'arcivescovo di Atene e tutta la Grecia, Christodoulos.
Rivolgendosi ai fedeli nella chiesa di San Nikolaos ad Ermopolis, capoluogo di Syros, Christodoulos ha subito tenuto a ricordare che «le sacre reliquie sono onorate e circondate da amore e rispetto», ha espresso il suo «più profondo ringraziamento alla Chiesa Cattolica Romana e, in particolare, al Cardinale di Milano (Dionigi Tettamanzi, n.d.r.) per il dono delle reliquie» e si è inoltre congratulato con il vescovo di Syros, Dorotheos, per il ruolo svolto nella vicenda.
Christodoulos, secondo quanto riferito dall'Ana-Mpa, ha dichiarato: «noi preghiamo affinché gli ortodossi e i cattolici romani ritrovino la loro unità perduta e che abbia termine la divisione fra cristiani». L'arcivescovo ha quindi voluto ricordare che il dialogo teologico tra il Vaticano e la Chiesa greco-ortodossa, interrottosi 15 anni fa, riprenderà il prossimo settembre per decisione comune ed ha espresso la speranza che il risultato del dialogo sarà la riunione delle due Chiese. «Gli ostacoli sono immensi, ma noi crediamo nei miracoli che vediamo ogni giorno nelle nostre vite e nella Chiesa», ha concluso Christodoulos.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400