Giovedì 24 Gennaio 2019 | 07:03

Maltempo nel Barese: addio ciliegie

La Cia: nelle campagne di Turi, Sammichele, Putignano, Gioia del Colle e Acquaviva delle Fonti, nubifragio e grandine hanno distrutto la produzione cerasicola
BARI - Sono ingenti i danni all'agricoltura provocati da un violento nubifragio che si è abbattuto ieri su tutta la provincia di Bari.
In particolare - secondo quanto accertato dalla Cia barese - nelle campagne di Turi, Sammichele, Putignano, Gioia del Colle e Acquaviva delle Fonti il nubifragio, misto a grandine, ha completamente distrutto la produzione di ciliegie e l'ha notevolmente compromessa nella zona di Ruvo e Bisceglie. La produzione cerasicola era già stata colpita per il 50% da un andamento climatico non favorevole delle settimane scorse, con repentini cambiamenti di temperatura che hanno compromesso la gemmazione e la fioritura dei ciliegi. Il nubifragio di ieri - rilevano i rappresentanti dell'associazione agricola - ha dato il «colpo di grazia».
Nella provincia di bari sono circa 16.000 gli ettari coltivati a ciliegie, con una produzione media annua di circa 400.000 quintali di prodotto, una produzione lorda vendibile di circa 120 milioni di euro e circa un milione di giornate di lavoro autonomo e dipendente.
La Cia di Bari chiede «l'immediata quantificazione dei danni con relativo risarcimento per le aziende colpite dall'ondata di maltempo, al fine di mettere nelle condizioni le imprese danneggiate di riprendere le normali attività».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400