Martedì 19 Febbraio 2019 | 03:11

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

Fatture inesistenti: un arresto a Bari

Gli illeciti, per un ammontare che non è stato precisato, sarebbero stati compiuti dal 1999 al 2003. Custodia cautelare a Romeo Cassano socio di numerose società pubblicitarie
BARI - Con l'accusa di emissione di fatture per operazioni inesistenti, la guardia di finanza ha arrestato Romeo Cassano, di 60 anni, nato a Taranto e residente a Bari, socio di numerose società pubblicitarie. All'uomo è stata notificata un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Bari Giuseppe De Benedictis su richiesta della locale procura della Repubblica.
I militari del nucleo regionale di polizia tributaria hanno accertato che Cassano, insieme con un'altra persona, Alessandro De Biase, arrestato lo scorso 7 marzo, «amministrava un microcosmo di società cartiere create, a volte all'insaputa di terzi ignari, altre volte in società con persone decedute», per la creazione di pubblicità e sponsorizzazioni sportive inesistenti. A tal proposito la guardia di finanza ha accertato che sulle fatture veniva stampigliato un falso codice di affiliazione al Coni o alla Federciclismo. Gli investigatori hanno anche ricostruito «un vasto giro di fatture e documenti falsi» nei confronti della società cooperativa La Fiorita.
Gli illeciti, per un ammontare che non è stato precisato, sarebbero stati compiuti dal 1999 al 2003.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400