Sabato 16 Febbraio 2019 | 22:10

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Bari - Agguato mortale

La vittima era imparentata con l'ex «primula rossa» del contrabbando, Giuseppe Cellamare, catturato nel 1998 dopo una lunga latitanza in Montenegro, e poi divenuto «collaboratore»
BARI - Un uomo è stato ucciso la scorsa notte in un agguato al quartiere San Paolo di Bari. Si tratta di Giovanni Cellamare, di 46 anni. Secondo una prima ricostruzione della polizia, la vittima, intorno alle 2,40 è stata colpita da numerosi proiettili nei pressi della sua abitazione, mentre era in un circolo ricreativo.
Soccorso e trasportato all'ospedale «San Paolo», l'uomo è morto poco dopo per shock emorragico.

La vittima era imparentata con l'ex «primula rossa» del contrabbando di sigarette, Giuseppe Cellamare, catturato nel 1998 dopo una lunga latitanza in Montenegro, e poi divenuto «collaboratore» di giustizia. Giovanni Cellamare viveva in un appartamentino ricavato nel locale dove gestiva il «circolo», in via Ciusa. I killer hanno bussato a notte fonda, e lo hanno ucciso con numerosi colpi d'arma da fuoco. Almeno quattro proiettili lo hanno colpito in parti vitali, ma l'uomo ha resistito sino all'arrivo al pronto soccorso dell'ospedale «San Paolo», dove i sanitari non sono riusciti ad arrestare una forte emorragia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400