Giovedì 24 Gennaio 2019 | 01:41

Taranto - Sospesi avvocato e cancelliere

Interdetti per 2 mesi da funzionari della Digos, perché accusati di essersi introdotti nel sistema informatico del Tribunale e di falsificare dati delle udienze a favore del legale
Tribunale TARANTO - Funzionari della Digos della Questura di Taranto hanno notificato un provvedimento cautelare di interdizione per due mesi dall'attività ad un avvocato civilista del foro di Taranto, Francesco Caroli Casavola, e ad un cancelliere del Tribunale, Dora Semeraro. Il provvedimento è stato emesso dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Taranto, Luciano La Marca, su richiesta del pubblico ministero Alessio Coccioli.
Il legale e il cancelliere sono indagati per l'immissione di dati informatici con date presumibilmente falsificate nel registro generale del Tribunale. Le ipotesi di reato sono di concorso in falso ideologico, accesso abusivo ad un sistema telematico e frode informatica.
Gli episodi contestati, che risalgono all'estate dello scorso anno, sarebbero emersi da intercettazioni telefoniche compiute a carico di Semeraro nel periodo in cui lei stessa era coinvolta, sempre lo scorso anno, nell'inchiesta sui brogli elettorali per il rinnovo del Consiglio comunale di Taranto. Secondo l'accusa, la donna avrebbe favorito il legale iscrivendo illegittimamente i ricorsi da lui preparati, prima ancora che venissero depositati. Per fare questo il cancelliere sarebbe entrata nel registro generale informatico del Tribunale utilizzando una password di cui è munita in quanto operatrice del sistema. In questo modo i ricorsi del legale sarebbero stati trattati in tempi molto più rapidi rispetto ad altri avvocati civilisti.
Semeraro ieri, in quanto pubblico ufficiale, prima che venisse emesso nei suoi confronti il provvedimento di interdizione temporanea dall'attività, era stata interrogata dal giudice La Marca alla presenza del pubblico ministero.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400