Martedì 19 Febbraio 2019 | 19:38

NEWS DALLE PROVINCE

LecceComponente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
MateraNel Materano
Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

 
BariInaugura il 21 febbraio
Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

 
TarantoAl Teatro Fusco
La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

 
BrindisiA Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
BatDopo la denuncia
Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

 
FoggiaLa storia
«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 

La diga di Occhitto rischia l'isolamento

A lanciare l'allarme Vito Guerrera, sindaco di Carlantino nel Foggiano: lunedì mattina, in seguito alle abbondanti piogge dei giorni scorsi, si è verificata una frana
FOGGIA - La grande diga di Occhito rischia di restare isolata. A lanciare l'allarme è Vito Guerrera, sindaco di Carlantino, che spiega come lunedì mattina, in seguito alle abbondanti piogge dei giorni scorsi, si è verificata una frana sulla strada che collega il comune di Carlantino all'invaso artificiale, unica via di accesso alla struttura.
«Un chilometro prima di arrivare allo sbarramento artificiale del lago - dice il primo cittadino - un tratto di strada di 50 metri si è abbassato di circa 20 centimetri, mettendo a serio rischio la tenuta stessa della carreggiata. Se la strada dovesse sprofondare completamente, raggiungere l'invaso diventerebbe impossibile. Le conseguenze, in assenza di interventi immediati, sarebbero gravissime, poichè i dipendenti del Consorzio di Bonifica di Capitanata addetti al controllo della diga non potrebbero più raggiungere il loro posto di lavoro».
«La situazione è critica - aggiunge Guerrera - anche perchè attualmente il lago artificiale ha una capienza d'acqua quasi ai massimi livelli, motivo per il quale è tenuto sotto costante e continuo monitoraggio. Le paratoie, inoltre, in caso di necessità, non potrebbero essere abbassate per far defluire l'acqua a valle».
«Dunque non c'è tregua per il comune del preappennino dauno settentrionale - sottolinea il sindaco di Carlantino - Il dissesto idrogeologico, dopo un inverno impietoso, imperversa da più parti. Ma questa volta non è solo il piccolo comune a rischio isolamento ma anche e soprattutto la diga di Occhito».
Intanto, aggiunge Guerrera, «non si capisce perchè le tre paratoie sono tutte chiuse nonostante il livello dell'acqua sia quasi al massimo. Quale strategia sta attuando il Consorzio di Bonifica? Se dovesse piovere per altri due giorni si rischierebbe il tracollo della struttura così come verificatosi lo scorso anno con le conseguenze che ricordiamo tutti, ossia lo straripamento del fiume Fortore», conclude.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400