Martedì 19 Febbraio 2019 | 06:04

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

«E' moribondo, prepara il carro funebre»

In cambio di denaro, infermieri avrebbero segnalato alle pompe funebri la morte, avvenuta o imminente, di pazienti ricoverati nell'ospedale di Molfetta. 7 arresti
MOLFETTA (BARI) - Gli infermieri segnalavano alle pompe funebri la morte, avvenuta o imminente, di pazienti ricoverati nell' ospedale, i titolari di imprese funebri, pagando sotto banco laute somme agli infermieri, arrivavano subito sul posto e disbrigavano le pratiche necessarie per il "caro estinto" e i medici, in cambio di soldi, avrebbero consentito il trasporto della salma nell' abitazione del deceduto anzichè farla restare, così come prevede la legge, nell' obitorio dell' ospedale. E' quanto è stato scoperto dai carabinieri del Reparto operativo di Bari che su disposizione della magistratura di Trani (Bari), hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip Roberto Olivieri del Castillo su richiesta del pm Ettore Cardinali, nei confronti di sette persone: due titolari di imprese funebri ed un dipendente di una delle due ditte e quattro infermieri in servizio nell' ospedale di Molfetta. I reati contestati a vario titolo sono di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione, concussione, rivelazione e utilizzazione di segreti d' ufficio, falso in atto pubblico e peculato.
Nell' indagine sul giro d' affari legato al «caro estinto» sono stati indagati anche 43 medici, alcuni in servizio nell' ospedale di Molfetta, altri di base e della Ausl. I medici dell' ospedale, in cambio di somme di denaro (tra i 100 e i 200 euro) avrebbero certificato falsamente le dimissioni dal proprio reparto di alcuni pazienti, che erano in realtà morti, per consentire il trasporto della salma nell' abitazione della famiglia; i medici di base avrebbero compilato più speditamente il modulo Istat relativo al decesso, e quelli della Ausl sarebbero stati molto solerti nell' attestare la morte del paziente.
Gli infermieri arrestati, secondo l' accusa, erano stipendiati in nero dagli imprenditori: per ogni decesso segnalato ricevevano in cambio somme comprese tra i 200 e i 250 euro a testa. Nei circa tre mesi di indagine, da fine novembre 2005 a gennaio 2006, i carabinieri ritengono di aver accertato una quarantina di segnalazioni. L' indagine è stata avviata dopo la segnalazione di operatori del settore delle pompe funebri che avevano denunciato l' esistenza del presunto 'comitato d' affarì che era finalizzato a sbaragliare la concorrenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400