Domenica 17 Febbraio 2019 | 11:04

NEWS DALLE PROVINCE

BariDa piazza del ferrarese
Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

 
LecceA Lecce
Minore senza biglietto, autista non lo fa salire sul bus: denunciato

Minore senza biglietto, autista non lo fa salire sul bus: denunciato

 
BrindisiNel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Grinzane-Terra d'Otranto a Grossman e mons.Paglia

Lo scrittore israeliano e l'ecclesiastico sono i vincitori della seconda edizione. Sabato 18 marzo la premiazione presso il castello Aragonese di Otranto
ROMA - Lo scrittore israeliano David Grossman e Monsignor Vincenzo Paglia sono i vincitori della seconda edizione del Premio Grinzane - Terra d'Otranto, un premio internazionale sul tema del dialogo, della tolleranza, della solidarietà e dell'integrazione, istituito dalla Regione Puglia, Assessorato al Mediterraneo e dal Premio Grinzane Cavour, con la collaborazione della Città di Otranto. Sarà nuovamente il castello Aragonese di Otranto il suggestivo scenario della cerimonia di premiazione che avrà luogo sabato 18 marzo, alle ore 10,30. Per la particolare collocazione geografica al centro del Mediterraneo, la Puglia costituisce da sempre il territorio di insediamento e d'incontro tra popoli di razze e religioni diverse. La terra pugliese, il Salento in particolare, è area di accoglienza, di contatto immediato e di impegno sociale che trova riscontro nella cultura dell'ospitalità, patrimonio della comunità del territorio. E' parso pertanto naturale legare il Premio alla città di Otranto, uno dei luoghi più suggestivi della terra salentina.
Il programma della manifestazione prevede, dopo gli iniziali saluti delle autorità, un incontro sul tema «Mediterraneo: un mare di pace?». Gli avvenimenti di tensione e di scontro che segnano paesi dell'area mediterranea impongono la ricerca di equilibri e di dialogo che promuovano scenari di pace e di comprensione. Come raggiungere tali obiettivi? E quale ruolo può svolgere in tal senso la cultura? Introdurrà il tema dell'incontro Silvia Godelli, Assessore al Mediterraneo della Regione Puglia. Interverranno, oltre ai due vincitori del Premio, Giuliano Soria, Presidente del Premio Grinzane Cavour e lo scrittore iracheno Younis Tawfik. Condurrà la manifestazione Franco Di Mare, giornalista RAI e inviato di guerra del TG1. Seguirà la premiazione dei vincitori del Premio Grinzane - Terra d'Otranto. L'iniziativa è articolata in due sezioni: la prima è destinata allo scrittore che, nei settori della saggistica o narrativa, abbia trattato i temi della tolleranza e del dialogo; la seconda è riservata ad una personalità che si sia distinta per il suo impegno nel campo della solidarietà e dell'integrazione.Per la prima sezione il premio è stato attribuito allo scritttore e saggista israeliano David Grossman che attraverso libri-inchiesta sulla questione palestinese, diversi libri per ragazzi e numerosissimi articoli sulla crisi mediorientale, si è sempre schierato per la pace e la tolleranza ed ha contribuito a rafforzare l'idea che la cultura può rappresentare un terreno d'incontro e confronto fra mondi, linguaggi e anche religioni differenti.
Per la seconda sezione il riconoscimento è andato a Monsignor Vincenzo Paglia. La sua attività presso l'Associazione «Uomini e Religioni» della Comunità di Sant'Egidio e la sua opera di mediazione e di invito alla tollerranza in territori contrassegnati da scontri etnici e religiosi l'hanno contraddistinto come «uomo del dialogo» e del rispetto fra i popoli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400