Venerdì 24 Maggio 2019 | 05:08

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl candidato
Comunali, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

Comunali Bari, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 
PotenzaStatale 653
Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

 
BatLa sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
BrindisiNel brindisino
Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

 
Tarantonel tarantino
Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

 
LecceSenza lavoro
Povertà: a Lecce aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

Povertà: aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

 
FoggiaLo studio
Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

 

i più letti

Bari - Tutta la ricchezza del clan

La Gdf ha sequestrato beni per 4,5 milioni di euro a gruppo mafioso barese, al quale erano già stati tolti oltre 9,5 milioni tra beni mobili ed immobili
BARI - In esecuzione di provvedimenti disposti dalla magistratura, militari del Gico del Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza hanno eseguito provvedimenti di confisca di beni mobili ed immobili e disponibilità finanziarie, per un valore complessivo di 4.5 milioni di euro, di proprietà di esponenti del clan facente capo alle famiglie Mangione-Matera. Questi ultimi sono stati tutti arrestati con l' accusa di associazione a delinquere di tipo mafioso, traffico di stupefacenti e estorsione.
Il provvedimento di confisca - a quanto si è saputo - fa seguito al provvedimento che portò, nel novembre 2004, al sequestro di beni di proprietà dello stesso clan per valore di circa 9.5 milioni di euro.
Le indagini economico patrimoniali condotte nei confronti del sodalizio mafioso, che opera nella zona della Murgia barese, ebbero inizio dopo che nel 2002, a conclusione della cosiddetta operazione «Canto del cigno», furono arrestati numerosi presunti esponenti del clan.
Una prima fase delle indagini patrimoniali si concluse nel novembre del 2004, quando furono sequestrati beni per 9.5 milioni di euro: in particolare 12 appartamenti, tre ville, 9 capannoni industriali, 4 appezzamenti di terreno edificabile, 8 auto, 69 rapporti bancari e cinque quote societarie con relativi compendi aziendali.
In una seconda fase, che si è conclusa all' inizio del 2006, in esecuzione di un provvedimento della sezione misure preventive del tribunale, sono stati invece confiscati 6 terreni, 9 appartamenti e ville, due auto, 3 depositi di risparmio, due dossier titoli, un rapporto di assicurazione, un libretto postale e un' attività commerciale per un valore globale di 4.5milioni di euro.
L'attività investigativa patrimoniale, condotta in un primo momento nei confronti di 200 persone, è stata estesa anche ai loro familiari e ad alcuni prestanome, e sono diventate così 900 le persone fisiche e giuridiche sottoposte alle indagini. I beni confiscati saranno destinati a finalità sociali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400