Venerdì 24 Maggio 2019 | 06:06

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl candidato
Comunali, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

Comunali Bari, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 
PotenzaStatale 653
Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

 
BatLa sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
BrindisiNel brindisino
Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

 
Tarantonel tarantino
Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

 
LecceSenza lavoro
Povertà: a Lecce aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

Povertà: aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

 
FoggiaLo studio
Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

 

i più letti

Tomba messapica in cortile scolastico

La scoperta ad Oria (Br) durante i lavori di ristrutturazione. Trovati uno scheletro di donna e un corredo funerario di epoca tra il IX ed il III secolo a.C.
ORIA (BRINDISI) - Una tomba risalente probabilmente al periodo della presenza dei Messapi nel Salento, tra il IX ed il III secolo a.C., con resti di uno scheletro e un corredo funerario, è stata scoperta nel cortile della scuola media «Fermi» ad Oria, nel corso di alcuni lavori di ristrutturazione.
Nel corso dei primi scavi, sono stati trovati i resti dello scheletro probabilmente di una giovane donna, ed un corredo funerario composto da cinque vasi di medie dimensioni e alcuni frammenti di collana in oro. Sul posto sono intervenuti gli archeologici della Sovrintendenza archeologica di Taranto che hanno preso in consegna i reperti per esaminarli. La tomba è emersa durante lavori di sbancamento per l'adeguamento alle norme vigenti della sicurezza dell'istituto scolastico.
I Messapi, che sono i primi abitanti del salento di cui si hanno documenti, giunsero dalla Dalmazia tra il IX ed il III secolo a.C.. Da loro la penisola salentina si chiamò Messapia, cioè terra tra due mari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400