Sabato 16 Febbraio 2019 | 13:05

NEWS DALLE PROVINCE

BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
LecceNel Leccese
Rubò cibo da ristorante e scappò con macchina rubata: un arresto a Tricase

Rubò cibo da ristorante e scappò con macchina rubata: un arresto a Tricase

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
TarantoIn via Temenide
Taranto, pesta convivente 22enne per gelosia: in cella un 28enne

Taranto, pesta convivente 22enne per gelosia: in cella un 28enne

 
MateraComune
Da Matera all'Aeroporto con bus navetta: siglato accordo

Da Matera all'Aeroporto di Bari con bus navetta: siglato accordo

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
BariRunning heart
Bari, occhio al traffico e ai divieti: domenica c'è la Corsa del cuore

Bari, occhio al traffico e ai divieti: domenica c'è la corsa del cuore

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Foggia - Sgominato «comitato d'affari»

Il gruppo mafioso assicurava a società controllate attraverso prestanome erogazioni indebite di finanziamenti, grazie a complicità di pubblici funzionari. 25 arresti
FOGGIA - Avevano costituito un vero e proprio «comitato d'affari» con la complicità di numerosi funzionari pubblici e attraverso questo assicuravano a società controllate da prestanome erogazioni indebite di finanziamenti pubblici. Così il Gip di Bari ha oggi emanato ordinanze di custodia cautelare per 25 persone indagate per associazione mafiosa e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. Tra queste, 23 sono state arrestate e 2 risultano al momento non reperibili.
Le indagini dei carabinieri hanno individuato un sodalizio attivo da anni soprattutto nel Foggiano, che aveva esteso i suoi interessi illeciti anche nell'imprenditoria.
Secondo gli investigatori, l'operazione costituisce un'ulteriore conferma del livello raggiunto dalle consorterie foggiane non solo nei tradizionali settori criminali, ma anche nell'infiltrazione del tessuto economico sociale e nel riciclaggio dei capitali di provenienza illecita.

Il sodalizio, individuato attraverso le indagini ordinate dal Gip nell'ambito dell'operazione «Cynara» condotta in collaborazione con i carabinieri di Foggia, iniziata nel 2003 e innescata da un sequestro di cocaina che aveva condotto ad un arresto, era attivo da anni nel foggiano. Vede coinvolti 13 cittadini di Foggia, alcuni baresi, ma anche persone residenti a Siena e Milano ed estendeva i suoi interessi illeciti all'imprenditoria. A carico degli indagati sono infatti state disposte anche altre accuse per reati gravi come quella di estorsioni, rapine, riciclaggio e traffico di stupefacenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400