Lunedì 18 Febbraio 2019 | 02:41

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'elezione
Bari, l'ex campione mondiale di canottaggio Verroca è il nuovo presidente

Bari, l'ex campione mondiale di canottaggio Verroca è il nuovo presidente del circolo Barion

 
TarantoSi è impiccato
Taranto, si uccide in carcere 78ene che massacrò a coltellate la moglie a Trepuzzi

Taranto, si uccide in carcere 78enne che massacrò a coltellate la moglie a Trepuzzi

 
FoggiaLite sulle elezioni
San Severo, scazzottata nella sede della Lega per il candidato sindaco. Due espulsi, arriva il commissario

San Severo, rissa nella sede della Lega per il candidato sindaco. Il partito li caccia

 
LecceNel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
BatLa protesta
Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

 
BrindisiNel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

Stallo per contratto 120mila edili pugliesi

Prosegue con difficoltà il negoziato per il rinnovo della parte salariale per il secondo biennio 2006-2007 del contratto nazionale. Sindacati in mobilitazione
BARI - Prosegue tra molte difficoltà il negoziato per il rinnovo della parte salariale per il secondo biennio 2006-2007 del contratto nazionale di 120mila addetti edili della Puglia, scaduto il 31 dicembre 2005. I sindacati della Puglia si stanno mobilitando, infatti, per i lavoratori e per la definizione dell'elemento economico territoriale, propedeutico all'avvio della contrattazione di secondo livello.
«Nonostante la crescita che da otto anni interessa il settore -denunciano i sindacati- si nega ancora ai lavoratori il diritto all'adeguamento salariale. La lotta al lavoro nero e alla precarizzazione -proseguono- non può essere contraddetta al tavolo della trattativa, come fa oggi l'Ance, pretendendo modifiche normative atte a favorire una maggiore precarizzazione del rapporto di lavoro e dell'impresa con le proposte per una trasferta nazionale, oppure superando la responsabilità in solido dell'impresa principale nei confronti dei lavoratori delle imprese subappaltatrici».
«Qualora con il prossimo incontro, fissato il 25 gennaio -hanno affermato i sindacati- l'Ance non rimuoverà le posizioni che ostacolano la conclusione delle trattative le Segreterie Nazionali si indirà lo stato di mobilitazione della categoria».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400