Martedì 19 Febbraio 2019 | 04:03

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

Taranto - I CC: in quella casa di riposo evasi contributi per un milione e mezzo

Operazione del Nucleo ispettorato del lavoro. Il responsabile della cooperativa inadempiente, è stato denunciato alla Procura della Repubblica
TARANTO - Una evasione contributiva per un milione e mezzo di euro è stata scoperta a Taranto dai carabinieri del Nucleo ispettorato del lavoro. Al termine di indagini su una casa di riposo per anziani e controlli amministrativi incrociati con gli Enti e gli Istituti previdenziali interessati, i militari dell'Arma hanno accertato che l'attività non era in regola con il versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali a favore del personale dipendente. L'azienda interessata, oltre a non far pervenire all'Inps e all'Inail i contributi e premi, non avrebbe versato neppure le quote a carico dei lavoratori dipendente nonostante provvedesse a trattenerli sistematicamente dalle retribuzioni corrisposte agli stessi.
Per quanto concerne il mancato versamento delle somme trattenute sulle retribuzione dei dipendenti, costituendo specifico illecito penale, il responsabile della cooperativa inadempiente, è stato deferito alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Taranto.
I circa 1,5 milioni di euro di evasione contributiva accertata sono stati completamente «recuperati» dal N.I.L. attraverso le procedure amministrative previste interessando l'INPS e l'INAIL competenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400