Martedì 19 Febbraio 2019 | 12:22

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'iniziativa
Le strade di Bari si colorano con i murales dei Lego, grazie allo street artist Pao

Le strade di Bari si colorano con i murales dei Lego, grazie allo street artist Pao

 
TarantoAccoltellato un libico
Non vuole pagare uno dei suoi lavoratori e tenta di ucciderlo: arrestato sudanese nel Tarantino

Non vuole pagare uno dei suoi lavoratori e tenta di ucciderlo: arrestato sudanese nel Tarantino

 
LecceLa novità
Da Gallipoli si vola in Grecia: il turismo viaggia in idrovolante

Da Gallipoli si vola in Grecia: il turismo viaggia in idrovolante

 
BatDopo la denuncia
Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

 
FoggiaLa storia
«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 

Lecce, GdF sequestro probatorio di 1,4 mln

Si vuole appurare se la società Grafimedia non abbia indebitamente incassato agevolazioni per macchinari che sarebbero già stati nella disponibilità
LECCE - Beni mobili ed immobili per un valore di 1,4 mln di euro, riconducibili alla Grafimedia Srl di Lecce, sono stati posti sotto sequestro probatorio dalla Guardia di Finanza, in esecuzione di un decreto emesso dal sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Lecce, Imerio Tramis. Il provvedimento è stato emesso al fine di accertare la regolarità dei finanziamenti ottenuti dalla società per le agevolazioni alle imprese. Sotto sequestro sono finiti macchinari della tipografia ed un capannone industriale di San Giorgio Jonico, dove si stampano giornali, che l'autorità giudiziaria ritiene siano stati acquistati o realizzati ad un prezzo effettivo notevolmente inferiore a quello per il quale erano stati richiesti i finanziamenti pubblici. Secondo le indagini, alcuni macchinari sarebbero già stati nella disponibilità dell'impresa, e inseriti poi tra i beni da finanziare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400